Hypermart

Porta il tuo supermercato online

L’hub logistico di Hypermart supporta e facilita la gestione dello Store grazie a un sistema di organizzazione logistica che regola il flusso di ordini
e consegne potenziando l’offerta dello Store e offrendo funzionalità avanzate all’utente finale.

Hypermart

Hypermart per il tuo store

Perchè affidarsi al nostro hub logistico

Pianificazione Servizio Delivery
Pianificazione Servizio Delivery
Alert invio ordine Tramite sms / e-mail
Alert invio ordine Tramite sms / e-mail
Ottimizzazione Flussi di consegna
Ottimizzazione Flussi di consegna
Customer  Service Pre e post vendita
Customer Service Pre e post vendita
Gestione dei Flussi informativi
Gestione dei Flussi informativi
Reportistica Completa A fini di analisi
Reportistica Completa A fini di analisi
Accesso Multi utente
Accesso Multi utente
Integrazioni Multi settore
Integrazioni Multi settore

Progetto spesa a domicilio

Logistica e Home Delivery

Il servizio di spesa online si contraddistingue per la peculiarità di consentire all’Utente finale di scegliere luogo e data della consegna del proprio ordine. 
La prenotazione della consegna permette all’utente di ricevere l’ordine al proprio domicilio entro ristretti termini temporali.

Progetto spesa a domicilio

Richiedi una consulenza

Vuoi creare qualcosa di unico? Noi possiamo aiutarti a trovare la strada giusta. Parlaci della tua idea, senza impegno

Ipotesi di vendita

Nuove opportunità di crescita

IL FOOD & GROCERY ONLINE globale nel 2021 è
cresciuto del 18% rispetto al 2020 per un valore di 575 MILIONI DI EURO. La spesa Grocery sui siti 
e-Commerce dei supermercati tradizionali con consegna a domicilio cresce del 40%
e vale 188 MILIONI DI EURO.

Ipotesi di vendita

News e aggiornamenti dal mondo I-factory

Wip: Scopri su cosa stiamo lavorando

Restyling per l’e-commerce Eden Cart

Vi mostriamo l’ultimo progetto realizzato da I-Factory: il restyling del sito web EdenCart, lo store dedicato alla cartoleria per i professionisti del settore. Scopriamo insieme i dettagli di questo nuovo lavoro.   Dal 1985 la Eden Cart S.r.l si occupa della distribuzione all'ingrosso di articoli per scuola e ufficio, ponendosi come un sicuro punto di riferimento per gli operatori che desiderano distinguersi nel settore con offerte competitive ed esclusive. Dalla mission dell’azienda nasce il bisogno di creare qualcosa di esclusivo per chi sceglie i loro prodotti, dedicando un portale funzionale e accattivante. Con più di 10000 referenze, il nuovo shop online è stato studiato nel design e nelle nuove funzionalità per offrire ai suoi clienti ottime performance e una migliore fruibilità. Il lavoro svolto dalla nostra web agency è partito dallo studio di un nuovo template grafico agevole, flessibile, diretto e coinvolgente. Chi atterra sullo shop identifica facilmente prodotti e servizi dell’azienda, soddisfando l’esigenza del consumatore finale di trovare ciò che desidera in maniera veloce. Questo grazie alle nuove funzionalità di ricerca tramite barcode, codice prodotto o codice confezione, sarà possibile trovare l’articolo velocemente e aggiungerlo direttamente nel carrello.   Integrazioni su Eden Cart Per offrire il miglior servizio ai professionisti è stato creato un sistema esclusivo dove è necessario registrarsi e avere l’approvazione dal rivenditore per effettuare ordini e accedere alle promozioni. Grazie agli acquisti veloci chi effettua il login ed è in possesso dei codici degli articoli a cui è interessato, può direttamente andare nel carrello, inserire codice o barcode, quantità desiderata e acquistare. Anche nella barra di ricerca è possibile cercare il prodotto mediante il codice di riferimento. Un’altra integrazione apportata al nuovo sito web è l’aggiunta delle “varianti colore” direttamente nella scheda prodotto. Questo permette di visualizzare i colori disponibili per quel “prodotto padre” e aggiungerli direttamente al carrello con le rispettive quantità. Le campagne promozionali sono una funzionalità richiesta del cliente, vediamo come funziona: i rivenditori e professionisti abilitati all’acquisto possono visionare in anteprima promozioni esclusive o prodotti in arrivo sullo shop che possono essere acquistati mediante prevendite, basterà scegliere la quantità e aggiungerli in un carrello dedicato. Una volta disponibili, l’ordine verrà evaso e spedito quanto prima. Per queste particolari campagne è stato predisposto un check-out differente da quello per la vendita dei prodotti già disponibili sull’e-commerce.   Digital solution per Eden Cart Partner Google dal 2016, I-Factory lavora con le principali piattaforme di comunicazione e divulgazione per offrire il massimo supporto alle aziende che seguiamo. Anche per Eden Cart è stato studiato un piano Marketing personalizzato per permettere di lanciare il sito attraverso strategie digital SEO, SEA e Social: il Team di I-Factory segue passo dopo passo il progetto per comunicare i servizi offerti dallo store online, al pubblico B2B dell’azienda. Per Eden Cart sono state studiate due strategie Google ADV: una su Rete di Ricerca per keywords attinenti al settore e alla vendita dei prodotti e una campagna Display.     Scopri come far crescere la tua azienda con il giusto team che seguirà passo dopo passo il tuo business. Contattaci per parlarci del tuo progetto.      

I-Factory integra Klarna per pagamenti rateizzati

Sempre più diffusi in Italia sono i sistemi di pagamento che permettono acquisti online a rate. Si tratta del cosiddetto “buy now & pay later”.  Molte aziende oggi si pongono come intermediari tra il tuo store online ed il cliente finale dando la possibilità a quest’ultimo di pagare in tre o quattro rate scegliendo l’opzione direttamente dal carrello.   I-Factory ha realizzato l’integrazione Klarna su diversi store online. Vediamo insieme i dettagli.   Sistemi di Pagamento a Rate Online per e-commerce Oggi la maggior parte delle nostre attività avviene online: dall’interfacciarci con persone nuove, fino all’acquisto di beni e servizi. In particolare, l’e-commerce ha registrato una crescita esponenziale negli ultimi anni, aprendo le porte anche a tante generazioni non avvezze alla tecnologia, offrendo comode soluzioni per i propri acquisti online. Tra gli elementi che ne favoriscono la fruizione da parte di tutti i possibili acquirenti, sono l’offerta e l’esperienza che il sito offre: quanti più servizi lo shop garantisce, tanto più invoglia ad acquistare.   Tra questi la possibilità di rateizzare i pagamenti è sicuramente un vantaggio che i clienti notano e non si fanno sfuggire, soprattutto i più giovani!   Uno dei principali problemi che un’azienda online deve affrontare è la grande quantità di competitors che sono sul web. Per “vincere la sfida” e riuscire ad ottenere maggior visibilità, è importante offrire ai propri visitatori servizi che rendano sempre più confortevole la loro esperienza d’acquisto.   Tra questi la rateizzazione dei pagamenti è sicuramente un servizio utile che incentiva all’acquisto!   Ecco come funziona la rateizzazione online Chiamati anche buy now pay later, i servizi offerti da Scalapay, Klara, Clearpay, PayPal o nel futuro anche da Apple Pay, dividono la transazione in due fasi. Nella prima, le società anticipano il valore dell’acquisto al venditore del bene o del servizio in base a un accordo firmato. In contemporanea, l’acquirente finale del bene o del servizio ripaga l’intermediario della transazione, in tre rate o in quattro rate sulla base di un altro contratto. Dunque, il venditore proprietario del bene avrà subito l’importo speso, anticipato dall’azienda da cui si è fornito del servizio di rateizzazione (Klarna, Scalapay, eccetera), mentre quest’ultima scalerà le rate mensilmente dal consumatore finale. A questo punto però, il venditore non è più una parte interessata.   Klarna per gli store realizzati da I-Factory Da oggi è disponibile l’integrazione Klarna su alcuni e-commerce realizzati da I-Factory con possibilità di rateizzare acquisti di importo pari o superiore a 50,00 €.   Con il servizio "Paga in 3 rate senza interessi" di Klarna, i clienti finali possono da oggi dilazionare il pagamento dell’ordine online in tre rate: la prima verrà accreditata non appena l’ordine sarà evaso, le altre due rate ciascuna dopo 30 giorni dall’altra.   Per poterne usufruire I-Factory ha realizzato il widget selezionabile nel carrello qualora l’importo sia maggiore o uguale a 50,00 €. Come funziona? Quando si effettua un acquisto online al momento del check-out basta seleziona l’opzione di pagamento “Klarna - Paga in 3 rate senza interessi”.   Per gli articoli con importo maggiore o uguale a 90,00 € è stato impostato il widget direttamente nella scheda prodotto in modo da invogliare l’utente all’acquisto.   Una volta confermato l’ordine, il cliente riceverà una mail di conferma inviata direttamente da Klarna, dove sarà possibile visionare le informazioni sul pagamento e un riepilogo del piano in 3 rate. Da questo momento in poi il rapporto sarà unicamente tra Klarna e l’acquirente: infatti, sarà l’azienda ad occuparsi del prelievo mensile. Inoltre, creando un account su Klarna, il cliente potrà gestire e vedere il proprio piano di pagamento in ogni momento.   Anche tu hai un e-commerce e desideri farlo decollare con soluzioni innovative? I-Factory realizza siti web e integrazioni personalizzate per aiutare il tuo store online a crescere.   Contattaci e raccontaci il tuo progetto, al resto ci pensiamo noi!

Campagne Google per risultati concreti: ecco il futuro degli annunci

Il mondo del web è in continua evoluzione, ma questo oramai non è più una novità. Ciò che invece oggi costituisce una vera sfida anche per i professionisti del marketing, è rimanere al passo con i diversi sviluppi e con gli imprevedibili comportamenti dei consumatori.   I tanti canali e dispositivi che vengono utilizzati oggigiorno, rendono difficile l’attività di monitoraggio, non permettendo di entrare davvero in contatto con le persone. Per i professionisti del marketing è complicato capire quali canali usare per raggiungere i clienti in modo efficace.   Le campagne Performance Max, ora disponibili per gli inserzionisti di tutto il mondo, offrono una soluzione semplificata: consentono di aggregare gli annunci su ogni canale Google in un'unica campagna, dando, inoltre, priorità agli obiettivi di marketing. Sono pensate per raggiungere gli utenti giusti nel momento giusto, con il messaggio più opportuno e sui canali più adeguati, tra cui la rete di ricerca, YouTube, la Rete Display, Discover, Gmail e Maps.   Con Performance Max, ogni asset a disposizione viene incluso in un unico "pacchetto" che comprende testo, immagini e video. Questi asset vengono poi combinati utilizzando il machine learning per creare annunci personalizzati e coinvolgenti che vengono mostrati ai clienti sui canali Google. La campagna utilizza le offerte automatiche per raggiungere un unico obiettivo, dalla generazione di lead alle vendite online, entro i limiti di budget e in tempo reale.   Le campagne Performance Max hanno lo scopo di farti raggiungere i tuoi obiettivi di conversione. I professionisti del marketing possono includere diversi elementi chiave nella campagna, come testo e asset creativi, un budget predefinito e dati proprietari. Il machine learning farà in modo di trovare il pubblico giusto nel momento giusto.   Inoltre, le campagne Google Performance Max, ti consentono di raggiungere un numero maggiore di persone, tra quelle più rilevanti per te. Collegando i tuoi dati proprietari, può aiutarti a trovare più clienti di fascia alta, consentendoti al contempo di entrare in contatto con nuovi segmenti che prima non avresti immaginato di raggiungere.   Anche I-Factory ha iniziato a testare le campagne Performance Max su alcuni dei nostri clienti, e finora abbiamo registrato un aumento delle conversioni incrementali totali, a un costo per azione simile.   I-Factory Partner Google La nostra Web Agency è Partner Google dal 2016, questo ci permette di offrire ai clienti servizi sempre innovativi, personalizzati e dedicati, in base ai prodotti che vendono e agli obiettivi che intendono raggiungere degli stessi.   Se desideri scoprire quali vantaggi puoi ottenere, contattaci!

Antica Forneria di Anna Antonino è online!

Da generazioni Antica Forneria Antonino racconta e tramanda l’autentica ricetta dei taralli pugliesi, e da oggi è possibile acquistare le loro bontà anche dal sito web, realizzato da I-Factory. Dal restyling del sito web alla progettazione di un piano marketing di 12 mesi, abbiamo realizzato un progetto che possa dar valore ad una piccola-media impresa locale e far emergere le bontà alimentari della Puglia.   Non solo tradizione, ma anche qualità, sono le principali caratteristiche di questa azienda situata a Bitonto, luogo che per vocazione, ospita materie prime di qualità riconosciute a livello nazionale e internazionale, come l’olio extravergine d’oliva, elemento fondamentale per la ricetta dei taralli e il vino, altro prodotto agroalimentare famoso in tutto il mondo!   Antica Forneria attualmente può contare su un ampio segmento B2B a livello nazionale e un segmento B2C più locale.   Attività svolte e strategia adottata Il Team Digital Solution di I-Factory è partito da un’analisi dell’azienda, osservando la situazione presente online e fuori dal web, attraverso ricerche di mercato e analisi dati. È stato riscontrato che dal 2020, anno di inizio pandemia, è stato registrato un aumento della richiesta di snack salati come taralli, grissini, e fast food secchi facili e veloci da mangiare, nonostante lo smart working! Inaspettatamente, la pandemia non ha “eliminato” un’abitudine legata al concetto di pausa veloce fuori porta, nonostante la sedentarietà legata al periodo, anzi i dati Nielsen hanno registrato un aumento del circa +8% delle vendite di spuntini salati “spezza fame” nella GDO, rispetto agli anni precedenti. Insomma, dai grissini ai taralli, in tavola più spazio ai sostituti del pane.   Dall’analisi al progetto di Antica Forneria Dall’analisi SWAT eseguita sui fattori di forza/ debolezza dell’azienda e opportunità/ minacce provenienti dall’esterno, sono emersi molti spunti per avviare l'azienda online. I-Factory ha realizzato anche per Antica Forneria un template grafico che fosse responsive e rispecchiasse lo stile rustico e tradizionale del forno. È stata data maggior rilevanza al prodotto principale, il tarallo, ricreando un pattern grafico che rievocasse il prodotto stesso. Oltre ai buonissimi prodotti fatti a mano, il sito di Antica Forneria ospiterà tante ricette, ispirazioni, consigli su abbinamenti e tanti altri contenuti interessanti!   Il Team E-Commerce Development ha realizzato un portale completamente personalizzato per rendere efficienti le performance della piattaforma. Il pannello completamente customizzato permette di gestire gli ordini e creare lettere di vettura che vengono trasmesse grazie ad API Key direttamente agli spedizionieri Bartolini e GLS. Inoltre, grazie all’integrazione di BRT, i clienti che si serviranno di questo spedizioniere, potranno scegliere di far arrivare il proprio ordine al fermo point più vicino e ritirare il pacco quando vogliono.   Metodi di pagamento e fatturazione: per Antica Forneria sono stati scelti come metodi di pagamento Carta di credito Paypal Stripe Bonifico Contrassegno Grazie all’integrazione apportata al sito di Fatturazione in Cloud, è possibile creare in automatico fatture e gestirle in autonomia dal proprio dispositivo. Dal pannello è possibile gestire, creare e modificare prodotti, contenuti, clienti e i dati inerenti a questi ultimi.   Piano Marketing 2022 per Antica Forneria Il Team Digital Solution ha realizzato un piano marketing di 12 mesi, dal quale apprendere dati e apportare eventuali migliorie. Oltre alla gestione social, I-factory gestirà campagne Google ADS e Mail Marketing.   Tra gli obiettivi stimati da raggiungere in 12 mesi vediamo: Posizionamento stabile online Crescita della Brand Identity e Reputation Crescita fatturato Ampliare il proprio target B2C e B2B   SCOPRI IL SITO ANTICA FORNERIA E I PRODOTTI DELLA TRADIZIONE FATTI A MANO.

Restyling sito vetrina Lome SuperFruit

È online il nuovo sito vetrina Lome SuperFruit per raccontarvi un avvincente viaggio nel cuore dell’azienda pugliese che ha fatto della dichiarazione “Il benessere è nella nostra natura” guida e traguardo. Accattivante, di facile consultazione, agevole e flessibile, diretto e coinvolgente. Il nuovo sito Lome SuperFruit soddisfa l’esigenza di informare sempre più il consumatore E avvicinarlo al sensibile, all’importanza dell’alimentazione per la salute e alla storia di un’azienda, la cui mission e valori sono legati al rispetto per il pianeta, alla tutela delle sue risorse e alla consapevolezza sociale.   Video, immagini, grafiche e infografiche accompagnano ed esplicitano i testi rendendo la comprensione immediata e facilmente fruibile. L’homepage offre uno sguardo sintetico e puntuale sulla brand equity dell’azienda e sulle sue caratteristiche distintive presentate in modo chiaro e sintetico, ognuna con un pratico link per accedere agli approfondimenti. La fruizione delle informazioni e dei contenuti è snella, pratica e veloce. Il menù principale è stato appositamente spostato nella banda laterale per dare spazio a contenuti visivi, risulta ugualmente facile ed intuitivo raggiungere le pagine desiderate. Grazie agli elementi grafici che rievocano il frutto del melograno e la natura, il visitatore si ritroverà immerso in un ambiente che rievoca alla perfezione l’azienda stessa. Dal sito è inoltre possibile accedere direttamente all’e-shop per poter acquistare direttamente e con facilità, tutta la gamma LOME. Ricca di dettagli, contenuti, certificazioni di qualità e storia, il nuovo sito vetrina Lome SuperFruit vi attende per scoprire il magico mondo del benessere dei super frutti.   CLICCA QUI E SCOPRI DI PIÙ

Masseria Brigantino: dallo studio del progetto grafico al nuovo sito web

Masseria Brigantino è una struttura ricettiva situata nel cuore della Puglia, tra ulivi secolari e mura antiche che offre soggiorni di relax a pochi passi dal mare. Dall’avvolgente stile country moderno, la struttura offre soggiorni indimenticabili accompagnati da un'ottima cucina locale a disposizione dei propri ospiti, che possono godersi una vacanza in una location incantevole e magica. Attenzione, cura e ospitalità sono i principali punti di forza della Masseria situata nelle campagne di Fasano (BR). Per questo progetto I-Factory ha realizzato il nuovo sito web, creando una grafica d’impatto che rispecchiasse in ogni dettaglio il pieno stile della masseria, e la piattaforma per la gestione dei contenuti. Il nuovo sito web accoglie i visitatori su una vetrina ricca di contenuti, dal quale è possibile inviare richieste sulla disponibilità della struttura. Oltre alla realizzazione del sito, il team Digital Solutions di I-Factory ha messo a punto una strategia marketing per valorizzare i servizi offerti dalla masseria.   Il progetto: partiamostudio della grafica Dopo un’attenta valutazione del progetto, delle idee del cliente e dei competitors online, il team ha realizzato un template grafico, che permettesse al committente di percepire fin da subito come sarebbe stato il lavoro ultimato. Per questo progetto ci siamo lasciati ispirare dalle bellezze della nostra terra, la Puglia, ricca di storia e tradizione, per trasmettere ai visitatori del sito web la giusta atmosfera.  Grazie ad elementi grafici studiati e realizzati appositamente per valorizzare l’autenticità del luogo, l'utente potrà immergersi fin da subito nell’ambiente country-moderno, sofisticato ed elegante della masseria. I dettagli come i pattern grafici spesso ricorrenti all’interno delle pagine, che rievocano le maioliche pugliesi, personalizzano altamente lo stile del sito, risultando unico e caratteristico. Tener conto della User Experience in fase di creazione del tamplate grafico è fondamentale: immaginare il percorso degli utenti e progettare una navigazione del sito comoda, facile e intuitiva, è tra i principali obiettivi per generare conversioni.   Piano Marketing e comunicazione per Masseria Brigantino Partner Google dal 2016, I-Factory lavora con le principali piattaforme di comunicazione e divulgazione per offrire il massimo supporto alle aziende che seguiamo. Anche per Masseria Brigantino è stato studiato un piano Marketing personalizzato per permettere di lanciare il sito attraverso strategie digital SEO, SEA e Social: il Team di I-Factory segue passo dopo passo il progetto per comunicare i servizi offerti dalla struttura, al pubblico - anche  internazionale - della Masseria. Per Masseria Brigantino sono state studiate due strategie ADV: una su Google Ads con sponsorizzate su Rete di Ricerca e una su Google Hotels. Un’esperienza nuova per la nostra Web Agency che in pochi mesi ha già portato i suoi frutti con molte richieste registrate sul sito web. Scopri come far crescere la tua azienda con il giusto team che seguirà passo dopo passo il tuo business.  

Task il gestionale di I-Factory per ottimizzare le attività

Il lavoro di squadra divide i compiti e moltiplica il successo, per farlo è fondamentale coordinare e condividere informazioni per ottimizzare le performance. Esistono molti gestionali a pagamento sul web che dispongono di numerose funzionalità per rendere il lavoro di gruppo più efficace ed efficiente. Dall’esperienza avuta con i tool online, I-Factory ha realizzato un’integrazione completamente customizzata al portale per assegnare, ricevere e organizzare attività, tutto alla portata dell’intero team.   Task è un portale che permette di gestire più clienti e/o progetti, mediante schede dove assegnare o elencare attività svolte o incomplete. Grazie alla dashboard è possibile visualizzare l’elenco di lavori eseguiti o da completare, ciascuno con nome del progetto, titolo attività, assegnatario e destinatario, stato dell’opera e data di aggiunta. Una gestione che permette di osservare costantemente l’avanzamento degli incarichi per essere sempre aggiornati sul da farsi.   Funzioni di Task Oltre ad essere un ottimo strumento per visualizzare lo stato delle attività, è possibile caricare materiale allegato (per esempio presentazioni, immagini, pdf, documenti word, eccetera) sulle schede dei progetti completati o da finire, insieme a rapportini. I rapportini sono documenti che il referente del progetto può richiedere al componente dello staff che dovrà svolgere l’attività, in cui potrà inserire informazioni dettagliate sul lavoro svolto. In fase di creazione del task, l’assegnatario potrà spuntare l’opzione “rapportino”, per far sapere al collega, che dovrà produrre il documento e allegarlo.   Partiamo dalla creazione dei task Le aziende che seguono più clienti necessitano spesso di gestionali che organizzino e quantifichino le attività da svolgere. Task nasce per assegnare, ricevere e gestire lavori per cliente o progetto. Quando si vuole assegnare un’attività basta cliccare su Aggiungi Task e si aprirà la scheda di lavoro. Successivamente selezionare Progetto, titolo, e descrizione delle attività da svolgere o assegnare. È possibile aggiungere altre informazioni quali: Data inizio e fine attività Assegnare a, scegliendo il componente del team che dovrà svolgere l’attività Assegnatario, chi assegna il task Soggetti collegati, altri membri che dovranno monitorare o sono collegati all’attività Stato, ovvero situazione dell’attività (da completare, completata, da rivedere o in lavorazione) Priorità, assegna un grado di importanda (da bassa ad urgente) Ore e minuti, tempo di esecuzione dell’attività Allega file, per caricare materiale Rapportino, se il lavoro richiede una descrizione più approfondita delle attività svolte Commenti, qualora si volessero aggiungere informazioni aggiuntive al task   I task sono visibili sulla dashboard in ordine crescente di aggiunta, e chiunque può visualizzarli, modificarli o aggiornarli.   Come aggiungere i componenti del team Task è stato pensato e realizzato per gestire lavori, per questo è necessario collegare un team di sviluppo al suo interno per assegnare attività ai singoli o più componenti. Nella sezione dedicata a Tipologia Intervento è possibile aggiungere le aree di competenza (esempio: grafica, tecnico, amministrazione, sviluppo, digital) e i suoi componenti.  

I-Factory Google Partner 2022

I-Factory, web agency a Bari, ha riconfermato nel 2022 l'adesione al programma Partners, creando una collaborazione più solida con l’azienda Google. Il conseguimento dello stato di partner di Google indica che I-Factory è stata riconosciuta per la sua capacità di massimizzare il successo delle campagne dei clienti, favorire la loro crescita, gestendone le campagne e dimostrare le competenze e l'esperienza relative a Google Ads, attraverso le certificazioni. In qualità di partner di Google, I-Factory, agenzia specializzata in sviluppo soluzioni e-commerce e software, ha accesso a una gamma più ampia di vantaggi, compresa la possibilità di mostrare il badge Google Partners sul nostro sito web e sui materiali di marketing.   Da giugno 2021, i partner che soddisfano i nuovi requisiti del programma Google Partners, possono accedere al nuovo badge Google Partner. Esistono tre categorie di requisiti: Rendimento, Spesa e Certificazioni. I requisiti per il badge Google Partner vengono controllati ogni giorno.   Rendimento Il requisito di rendimento è utile per garantire la corretta configurazione e l'esecuzione ottimale delle campagne Google Ads al fine di ottenere i risultati migliori per i nostri clienti. L’account amministratore Google Ads registrato a Google Partners deve ottenere un punteggio di ottimizzazione minimo del 70%.   Spesa Tale requisito si ottiene mantenendo una spesa pubblicitaria minima per 90 giorni per tutti gli account gestiti. Anche in questo caso, grazie a valutazioni con i clienti di I-Factory e al loro obiettivo di campagna, siamo riusciti ad ottenere il miglior punteggio per il requisito di spesa.   Certificazioni Ultimo requisito, ma non meno importante, è l’acquisizione di competenze tramite certificazioni: l’account amministratore Google Ads registrato per Google Partners deve infatti avere almeno il 50% di Account Strategist con certificazione Google Ads. I-Factory ha raggiunto anche questo obiettivo grazie alle nuove certificazioni che il Team ha conseguito per poter accedere al nuovo programma, riconfermando l’eccellente lavoro che lo staff svolge per far i nostri clienti. Da oggi I-Factory può accedere al nuovo badge Google Partner, che mostra le competenze più recenti in Google Ads, attestando le nostre abilità per le recenti attività disponibili per i clienti.   Se desideri avere maggiori informazioni sulle attività Google Ads che svolgiamo per i nostri clienti, contattaci.

I-Factory vincitrice del bando Piano di Innovazione “Family Friendly” 2021

Attraverso l'Avviso pubblico Attivazione di un Piano di Innovazione Family Friendly nelle PMI, la Regione Puglia intende favorire l’adozione nelle piccole e medie imprese pugliesi di modelli di organizzazione improntati alla destandardizzazione degli orari (per esempio strumenti come flessibilità in entrata e in uscita, orari a menù, banca delle ore, ecc.) o delle modalità di lavoro (per esempio telelavoro, smart working) sostenendole a beneficio di lavoratori e lavoratrici.   Obiettivo del Piano Innovazione Family Friendly è promuovere lo sviluppo di modelli di competitività e organizzazione del lavoro orientati al benessere dei lavoratori, delle lavoratrici e delle loro famiglie all'interno del tessuto produttivo pugliese, con l'effetto di potenziare la produttività, la qualità del lavoro e la diffusione di strumenti utili alla conciliazione vita-lavoro e salvaguardare la permanenza al lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati anche nella cura di figli e familiari bisognosi di assistenza, generando vantaggi sul piano organizzativo, sulla riduzione delle assenze da “mancata conciliazione”, sulla produttività e sulla salvaguardia dei percorsi professionali.   Per la promozione del welfare aziendale e di nuove forme di organizzazione, la web agency I-Factory, vincitrice del Piano di Innovazione “Family Friendly” 2021, ha raggiunto i seguenti obiettivi: De-standardizzazione degli orari, attraverso strumenti come la flessibilità oraria o la messa a punto di modalità di lavoro alternative come telelavoro e smart working Lavoro in smart working Flessibilità di orari di ingresso e uscita per il benessere dell’intero team Analisi organizzativa del lavoro al fine di verificare quali funzioni e mansioni possono ottimizzare il lavoro stesso, rendendolo agile e conciliante Ottimizzazione dei processi interni di comunicazione e scambio di informazioni ottimale Percorsi formativi rivolti a tutto il personale con sessioni di executive coaching rivolti ai responsabili delle aree delle unità in cui adottare la strategia di change management Ottimizzazione della suddivisione dei ruoli   Per scoprire i servizi della nostra web agency clicca sul link qui!  

I-Factory lancia nuovo e-commerce per Farmalabor s.r.l.

Dal 2001 Farmalabor s.r.l. è azienda leader in produzione e commercializzazione di materie prime ad uso farmaceutico, cosmetico e alimentare. Punto di riferimento dell’industria galenica italiana, grazie al controllo qualità, alla logistica avanzata, alla gestione integrata delle operazioni, tutto mediante sistemi completamente informatizzati, da oggi Farmalabor, oltre a consultazioni online, vende formulazioni per farmacisti ed esperti del settore, mediante portale e-commerce realizzato da I-Factory.   Oltre ad essere un centro di alta formazione dedicato ai farmacisti preparatori, dal portale Formulazioni Farmalabor ci si può iscrivere per visionare prodotti, ricette e molti altri contenuti esclusivi e acquistarli! Attraverso 4 abbonamenti annuali, l’utente potrà usufruire di contenuti diversificati, sulla base del piano scelto.   Funzionalità del portale e-commerce per formulazioni galeniche Tramite l’e-commerce realizzato da I-Factory è possibile acquistare, previa registrazione al portale: formulazioni galeniche packaging per le formulazioni arredi tecnici, attrezzature e vetreria da laboratorio Inoltre ogni utente può proporre la sua formulazione che andrà poi inserita nell’elenco accessibile solo agli iscritti. Grazie all’integrazione del portale con il software gestionale dell’azienda, è possibile consultare le giacenze, visionare ordini online e verificare i clienti, tutto in tempo reale.   Acquisti verificati e pagamenti sicuri I-Factory ha integrato al portale e-commerce, il servizio di pagamenti digitali Nexi, uno dei sistemi di pagamento interbancari più influenti nel mondo. Con questa soluzione ogni acquisto da parte degli utenti è sicuro e veloce.   SCOPRI IL PORTALE DEDICATO ALLE FORMULAZIONI GALENICHE PER I PROFESSIONISTI DEL SETTORE  

Nuovo Progetto Credit by I-Factory: Magale.it – E-Vanity Store!

Tra gli ultimi progetti realizzati, I-Factory ha gestito in collaborazione con l’agenzia di formazione e consulenza Biosmade.com, e il Dott. Pasculli Francesco, consulente marketing, la realizzazione di Magale.it – E-vanity Store. Dopo mesi di benchmark di settore siamo riusciti ad affrontare un progetto complesso con più di 15000 referenze, in un mercato competitivo, per la promozione e vendita di prodotti beauty per uso domestico e per professionisti.   Cura del corpo, profumeria e forniture per parrucchieri ed estetiste sono il cuore pulsante dello shop online Magale.it. Grazie alla pluridecennale esperienza nel settore della vendita di prodotti del settore beauty e profumeria, il giovane imprenditore, Alessandro, propone una risposta efficace alla sete di bellezza.   Conosciuti sul territorio grazie ai diversi punti vendita con sede a Bari e Provincia, Magale nasce dalla voglia di mettersi in gioco su mercati più ampi e competitivi, offrendo una vasta gamma di marchi e soluzioni acquistabili direttamente dallo store online.   Anche per Magale.it sono state apportate integrazioni per pagamenti sicuri tramite PayPal e Nexi e, per tracciare gli spedizionieri direttamente dal pannello, stampare lettere di vettura, etichetta da apporre sul pacco con tutti i dati e molto altro ancora, sono stati integrati SDA e Bartolini al gestionale. Per approfondire l’argomento clicca qui. Inoltre, grazie al servizio di customer service, ogni cliente potrà essere seguito passo dopo passo per un acquisto sicuro e confortevole. Comunicazione social, advertising e soluzioni per il customer relationship management sono altre attività che la web agency, I-factory, sviluppa e sostiene con un cotante monitoraggio dei dati per analisi e modifiche del piano d’azione.     ENTRA NEL MONDIO E-VANITY DI MAGALE.IT!  

Alpha Beauty Academy da oggi è anche Shop Online

Alpha Beauty Academy è una realtà giovane e dinamica, affermatasi nel settore del trucco permanente grazie ai loro corsi. Nel 2020 Sarah e Fabio si sono affidati alla nostra web agency, per creare un sito vetrina che rispecchiasse la loro vision ambiziosa e determinata nel diventare i migliori sul campo a livello locale, ma non solo, tanto da estendere ben presto la loro formazione anche in altre città d’Italia.   I-Factory per Alpha Beauty Shop In seguito del grande successo riscontrato sui social e dai corsi sold out degli ultimi mesi, hanno deciso di investire in un settore sempre più in crescita, la vendita online tramite e-commerce!   Il progetto consiste nella vendita di prodotti per PMU, con un catalogo che vanta più di un centinaio di prodotti e diverse varianti, tramite shop online realizzato dalla web agency I-Factory. Per migliorare la qualità dei servizi sono state apportate integrazioni al sito web, tra queste troviamo: Integrazione BRT: gestire spedizionieri e vettori direttamente dal proprio pannello GestPay: sistema evoluto per fornire agli operatori transazioni online sicure Assistenza clienti Live: per migliorare l’esperienza dei clienti online è stata integrata la Live Chat sempre attiva sul sito web I servizi che la nostra web agency ha fornito, oltre alla realizzazione del portale e-commerce completamente customizzato, sono: Customer service: servizio clienti telefonico, per assistere e seguire passo dopo passo gli utenti e migliorare la loro esperienza d’acquisto E-commerce management: grazie alla pluridecennale esperienza nel settore, gestiamo ogni aspetto riguardante il sito, tra cui gli ordini, la loro evasione e il percorso d’acquisto dei clienti, provvedendo al caricamento dei prodotti, delle immagini, alla creazione di schede prodotto, e molto altro ancora Google ADS: partner ufficiali dal 2016, I-Factory provvede alla creazione di campagne personalizzate con strategie per ottenere i migliori risultati! Content Marketing: realizzazione di un piano strategico con contenuti personalizzati, che abbraccino il target di riferimento, grazie al giusto tone of voice e ad un visual content accattivante Social Media Management: i social non possono essere tralasciati, motivo per cui necessitano di pianificazione costante per la corretta diffusione dei contenuti SEO: fare un sito web significa curare i suoi contenuti affinché possa posizionarsi su Google in maniera organica   SCOPRI QUI IL NUOVO SHOP.ALPHABEAUTY.IT

Online il nuovo e-commerce B2B per Salamino Srl

L’azienda leader italiana, presente sul mercato da oltre 40 anni, e specializzata nella vendita all'ingrosso del settore merceria, presenta il suo nuovo shop online realizzato da I-Factory per la vendita di prodotti da sartoria. Il sito è accessibile al settore B2B mediante accesso riservato ai soli utenti registrati, per poter sfogliare cataloghi e acquistare direttamente online i prodotti desiderati. Dal punto di vista user, oltre ad un’interfaccia del tutto rinnovata, il sito web offre la possibilità, per chi si è registrato, di sfogliare cataloghi, visualizzare prodotti in evidenza e i nuovi arrivi. Implementare un sistema informatico interno che possa consentire una perfetta gestione di tutto l’organigramma, è uno dei primi passi per ottimizzare un’attività. I-Factory ha quindi integrato al sistema gestionale AS/400 della Salamino s.r.l., uno dei più potenti sistemi informativi per le aziende, il nuovo e-commerce. Grazie al software è possibile reperire e caricare dati inerenti ai clienti, ai prodotti e informazioni utili, direttamente sull’e-commerce. Con l’opzione “Ordine veloce” l’utente, registrato mediante Partita IVA, può caricare il file csv con l’elenco dei prodotti contenente codici univoci, aggiungerli direttamente al carrello e procedere all’acquisto rapido. Un altro importante aggiornamento è stato quello di integrare con lo spedizioniere Bartolini il sito e-commerce: ora sarà possibile visionare lo stato della spedizione e stampare la lettera di vettura da consegnare al corriere, direttamente dal pannello dello shop, in “ordini”, senza dover uscire dallo stesso. Il sito web, dovendo ospitare diverse varianti per prodotto, ha una gestione del tutto automatizzata: vengono infatti, importate direttamente dal software AS/400 in automatico sull’e-commerce le varianti.   SCOPRI ORA IL NUOVO SITO DI SALAMINO MERCERIA

Connetti il tuo shop online direttamente al tuo corriere

Il 2020 ha senza dubbio registrato numeri impressionanti per quanto riguarda le persone che si sono connesse ad internet per la prima volta: oltre un 1 milione di nuovi utenti nel corso degli ultimi 12 mesi che ci fanno arrivare ad un incremento del 2,2% rispetto all’anno precedente, arrivando a 50 milioni totali in Italia.   Inutile nascondere quanto la pandemia abbia avuto un impatto sulle vite di ciascuno di noi, invogliando probabilmente molte persone ad affacciarsi al mondo del web. Gli stravolgimenti causati dal Covid-19 hanno fatto emergere un altro importante dato che riguarda le piattaforme social: secondo alcuni studi il 2020 ha visto oltre 2 milioni di nuove iscrizioni sui social media. Interessante risulta notare come il livello di coinvolgimento sulle piattaforme sia aumentato di qualche punto: le persone trovano stimolante interagire sui social e tenersi in contatto aprendo dialoghi online. L’engagement (o tasso di interazione) registrato negli ultimi mesi sembra aver portato positivi riscontri per molte attività online. Diversi imprenditori hanno notato questa “migrazione” da parte degli utenti verso il mondo online, dando vita a nuove opportunità per il proprio business, implementando le funzionalità online già esistenti o avviandone ex novo.   Come gestire spedizionieri e vettori I dati mostrati fanno capire come e quanto l’e-commerce sia cresciuto durante il 2020 ma uno dei tasti dolenti per i “venditori virtuali” è sicuramente la gestione di spedizionieri e vettori. Per un e-commerce manager, che sia il proprietario stesso o un terzo commissionato dal produttore, organizzare le spedizioni è sempre un problema.   Come porvi rimedio? Semplice: le integrazioni sono una soluzione semplice e veloce che faciliterà notevolmente la gestione di ordini, spedizioni e corrieri. Si tratta di un’implementazione del pannello di controllo del tuo gestionale grazie al quale, senza dover uscire dallo stesso, potrai creare la lettera di vettura, prenotare il ritiro del pacco e fornire ogni dato necessario per la spedizione. Entriamo nello specifico e analizziamo passo per passo cosa succede quando invii un ordine allo spedizioniere normalmente e cosa invece accade grazie all’integrazione.   Senza implementare il tuo gestionale è necessario collegarsi al sito del tuo spedizioniere, effettuare l’accesso e creare la tua lettera di vettura per ogni ordine, inserendo tutti i dati relativi al mittente, al destinatario e ai colli da inviare. Questo procedimento interamente manuale, risulta piuttosto scomodo, poco pratico e soprattutto potrebbe generare errori e quindi malcontento da parte dei clienti.   Cosa avviene integrando direttamente al tuo gestionale SDA, BRT, GLS Grazie all’integrazione di i-factory disponibile per gli spedizionieri SDA, Bartolini e GLS, verrà inserita nel pannello del tuo gestionale, per ciascun ordine, un’icona grazie alla quale, cliccandoci sopra, si potrà accedere facilmente alla lettera di vettura già compilata dal software, che verrà consegnata allo spedizioniere nel momento del ritiro. Grazie ad una serie di codici inseriti all’interno del tuo pannello, potremo collegare il tuo e-commerce direttamente al corriere a cui ti affidi per le spedizioni, senza dover uscire!   Vediamo come funziona l’integrazione: una volta arrivato l’ordine da parte di un cliente, basterà andare in Gestione e-commerce > Ordini e si avrà un elenco degli acquisti che sono stati effettuati sul tuo shop online. Le informazioni relative all’utente e al suo acquisto, già presenti perché generate nel momento dell’acquisto stesso, saranno generate in automatico sulla lettera di vettura cliccando sull’icona relativa. A questo punto verrà aperta direttamente sul tuo pannello la lettera di vettura e etichetta da apporre sul pacco con tutti i dati contenenti mittente, destinatario e colli. {IMAGE_0}{IMAGE_1} Una volta generata si potrà prenotare il ritiro sempre dal proprio gestionale, stampare la lettera e consegnarla al corriere al suo arrivo, insieme agli ordini da spedire. Per spedizionieri SDA, GLS e BRT sarà possibile anche visionare il tracking del pacco, quindi se un cliente dovesse chieder informazioni basterà risalire all’ordine nel tuo pannello e cliccare sull’icona relativa alla spedizione e si potrà visionare dal tuo e-commerce l’avanzamento della spedizione! Comodo, vero? Riassumiamo le funzioni dell’integrazione spedizionieri e vettori di i-factory: Creazione lettere di vettura Prenotazione ritiro del pacco Stampa della lettera di vettura per il corriere al momento del ritiro Visualizzazione stato della spedizione … tutto ciò direttamente sul proprio e-commerce senza dover andare sul sito dello spedizioniere, Il risultato finale sarà un’ottima gestione del proprio store online che permetterà una fidelizzazione del cliente efficace grazie all’ulteriore possibilità di inviare lo stato della spedizione tramite messaggio su whatsapp.   Se desideri ricevere maggiori informazioni e poter capire quanto le integrazioni faciliteranno e miglioreranno la gestione del tuo portale e-commerce, contattarci per una consulenza e studieremo la soluzione migliore per il tuo progetto! 

Da oggi la fatturazione elettronica non sarà più un problema

Con l’aumento delle vendite online grazie ad e-commerce che spostano il tuo business sul web, gestire le fatture di emissione è sempre più complesso e difficile da organizzare. A questo problema è stata creata una soluzione semplice ed efficace che faciliterà notevolmente il modo in cui si compilano, inviano, ricevono e conservano le fatture. In questo articolo spiegheremo cos’è una fattura elettronica e perché noi di i-factory abbiamo scelto di implementare la gestione del tuo e-commerce con Fatture in Cloud, il software di fatturazione online semplice e immediato.   L’esigenza della fatturazione elettronica: da dove nasce e perché Da un paio di anni “fuggire” dalla fattura elettronica è diventato impossibile infatti a partire dal 1° gennaio 2019, questo tipo di fatturazione è diventato obbligatorio anche per i privati. Si tratta di un metodo di gestione più smart grazie al sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che permette di abbandonare per sempre il supporto cartaceo senza perdere nessun dato. Oggi inoltre è possibile implementare il tuo gestionale per la vendita online mediante sistemi digitali semplici da usare che permetteranno di ridurre tempi e costi eliminando per sempre le fatture compilate a mano o tramite Excel, inviate per posta o conservate su scaffali.   Cos’è la fatturazione elettronica La fattura elettronica è un documento digitale che contiene le stesse informazioni normalmente presenti in una cartacea: importi dati di mittente e destinatario descrizione delle prestazioni effettuate numero partita IVA La differenza sta nella necessità di essere prodotta secondo il tracciato denominato FatturaPA che è un flusso di dati strutturato in formato digitale necessariamente scritto in linguaggio XML e quindi non producibili in formato cartaceo o PDF anche se questi vengono generati digitalmente. La difficoltà nasce proprio dal formato delle fatture elettroniche ma c’è una soluzione per ovviare a tale problema e la mostreremo nel paragrafo successivo.   Perché scegliere Fattura in Cloud Per essere in regola con le tue fatture ed emetterle correttamente devi seguire un “percorso unico standardizzato” stabilito dalla legge, cioè un insieme di azioni obbligatorie presenti di seguito: compilazione della fattura firma digitale invio della fattura al destinatario recapito della fattura Grazie all’integrazione del tuo portale e-commerce con un software che ti consente di svolgere tutte queste operazioni in qualsiasi luogo tu sia, dal tuo smartphone o dal computer, produrre fatture elettroniche e conservarle, non sarà più un problema. Inoltre dal 1° luglio 2019 è iniziata la graduale sostituzione degli scontrini e delle ricevute fiscali con i corrispettivi elettronici. Grazie all’integrazione di Fatture in Cloud che abbiamo realizzato per i gestionali, si potrà generare e inviare direttamente all’Agenzia delle Entrate il documento commerciale. I nostri clienti che hanno aderito a questo nuovo sistema di compilazione risultano soddisfatti del servizio.   Cosa è possibile fare con Fatture in Cloud reazione di fatture in linguaggio XML firma elettronica firma e invio a SdI controllo degli errori ricezione del software conservazione a norma solleciti automatici accesso del commercialista app per smartphone agenerare e inviare corrispettivi elettronici all’Agenzia delle Entrate   Se sei interessato ai nostri servizi o desideri implementare il tuo gestionale mediante Fatture in Cloud contattaci o visita il nostro sito web!

L’importanza del customer care per l'e-commerce

Secondo le ultime statistiche rilasciate da Netcomm, Consorzio del Commercio Digitale Italiano, punto di riferimento per ricerche e studi nell’ambito dell’e-commerce, è stato registrato un enorme aumento da gennaio 2020 ad oggi del numero di clienti nuovi in Italia che hanno acquistato tramite un e-commerce. Questo vertiginoso aumento si è registrato proprio durante il periodo di lockdown per l’impossibilità dei consumatori di poter comprare prodotti in negozi fisici. Non solo, si prevede che il commercio via web possa crescere ulteriormente nell’economia mondiale, fino ad un positivo del +55%. Uno dei settori dove è stato riscontrato un notevole aumento proprio durante il periodo del lockdown è proprio il cibo: grazie alla consegna a domicilio di numerosi alimenti e alla possibilità di ordinare online con un semplice click qualsiasi pietanza, il settore dell’alimentari è stato stimato come il secondo settore più in crescita. Quindi, voi imprenditori che stavate pensando di entrare nel mondo dell’e-commerce ma avevate enormi perplessità sulla fattibilità o sulla possibile crescita, dopo questa bella notizia avrete meno dubbi in merito. Ma attenzione: nel momento in cui si costituisce un’azienda “virtuale” che supporti un negozio fisico o sia l’unico veicolo di guadagno, non bisogna tralasciare un’importante figura che deve assolutamente esser presente in un team per una buona riuscita, il customer care! Molti pensano che mettere online i propri prodotti tramite colossi del settore e multinazionali quali ad esempio Amazon, sia nettamente più vantaggioso del creare un proprio store online. Indubbiamente affidarsi ad esperti del settore è importante ma non è detto che sia la scelta migliore. È risaputo infatti che un consumatore che acquista un prodotto, magari esattamente quello che venderesti su un tuo e-commerce e che è presente anche su un Marketplace, nel momento in cui ha bisogno di spiegazioni, chiarimenti o semplicemente consigli, necessita di un’assistenza che possa seguire tutto l’iter di acquisto, dalla fase di scelta del prodotto, alla post vendita. È anche noto che per fattori logistici un cliente che chiede assistenza ad un Marketplace non avrà mai la stessa soddisfazione di uno che invece si rivolge direttamente al produttore. Come mai? Molto semplice: in un Marketplace si concentrano prodotti di ogni genere e provenienza, quindi un assistente alla vendita non sarà mai così preparato alle domande dei consumatori. Costituire un proprio e-commerce significa inserire un customer care all’interno del team di gestione che possa assistere il cliente e soddisfarlo quanto più possibile nella ricerca dell’articolo, fino all’assistenza post vendita.   I vantaggi di avere un customer care in un e-commerce Altre statistiche affermano che il 75% degli utenti che hanno acquistato durante il lockdown erano per la prima volta alle prese con questa tipologia di shopping. Molto spesso per una persona che è alle prime armi con gli store online ha bisogno di essere coccolato e stimolato all’acquisto. Chi meglio di un customer care interno all’azienda e preparato può infondere fiducia e seguire i propri clienti? Si tratta di un valore aggiunto che i marketplace o i siti generalisti non possono offrire e che invece la tua azienda può fare.   Customer care: specialista del tuo e-commerce I compiti che solo un customer care può svolgere sono numerosi e spesso sottovalutati. Ecco qui elencate alcune delle attività che è necessario far svolgere ad un addetto del settore o un chatbot che automatizzi e velocizzi i processi. - Operazioni di vendita - Gestione degli ordini - Organizzazione commerciale dell’azienda - Assistenza ai clienti Consulenza Gestione banca dati - Relazioni con fornitori e reparto logistica - Rapporti con il pubblico Il successo di questa attività deriva da una capacità di adattamento del personale o dall’interfaccia che ne fa le veci nei confronti di un cliente. Quindi la scelta del giusto personale che si dovrà occupare di queste mansioni è fondamentale. Inoltre poter usufruire di un Help desk dedicato che permetta di automatizzare le operazioni più complesse, è altrettanto utile. Un consiglio? Affiancare sempre entrambi i mezzi è la scelta più opportuna al fine di crescere e creare così una macchina di vendita efficiente che possa portare ottimi risultati.   Noi di i-factory operiamo nel settore da anni e ci occupiamo di numerose aziende in molti ambiti diversificati per il supporto esterno alla vendita. Come funziona? Anche questo quesito necessita di una risposta molto semplice: affidandoci il tuo e-commerce potremo gestire in qualsiasi momento i tuoi ordini e assistere i clienti durante e post vendita. Numeri uno per affidabilità e professionalità, i-Factory seguirà con cura la tua azienda consigliandoti la scelta migliore per un aumento delle vendite e fornendoti report che ne attestino l’efficacia grazie alla partnership con Google che ci permette di monitorare i tuoi rendimenti.   Per ulteriori informazioni contattaci e saremo lieti di offrirti il massimo supporto.

Il nuovo sito e-commerce di i-factory per Lome Superfuit

I-Factory dà il benvenuto al nuovo sito di vendita online realizzato per Lome Superfuit, azienda pugliese situata a Castellaneta Marina che opera dal 2012 nel settore agricolo coltivando piante da frutto quali melograno, aronia e bacche di Goji. Lome ha deciso di affidarsi a i-factory, web agency certificata Google, per la realizzazione di un sito e-commerce che invogli gli utenti all'acquisto diretto, oltre che a quello nella GDO, promuovendo il mercato online. Dalla realizzazione alla gestione del portale e-commerce, non è stata tralasciata la fase di pianificazione delle strategie di comunicazione digital, SEO, SEA, e gestione del customer service di primo livello. Passo dopo passo è stato creato un sito ad hoc dove poter acquistare i prodotti Lome Superfruit e rimanere in contatto con l’azienda attraverso il blog con contenuti esclusivi e sempre aggiornati. Grazie alla supervisione del team di I-factory il sito sarà tenuto in costante monitoraggio con i reports forniti da Google Analytics. Lo shop Lome Superfruit mette a disposizione tre linee di prodotto: fresco, imbottigliato ed essiccato per poter vivere nel pieno della freschezza la prelibatezza dei frutti stagionali dell’azienda Lome. SCOPRITE QUI IL NUOVO SHOP.LOMESUPERFRUIT.COM

E-commerce, dalla Regione Puglia 13 mln di euro per innovare le PMI

L'eCommerce è sempre più rilevante in Italia: la conferma è arrivata durante il lockdown quando il commercio elettronico ha rappresentato il principale, se non unico, motore di generazione dei consumi.  Dal lato della domanda gli acquirenti online, infatti, sono aumentati di 2 milioni solo nel primo semestre del 2020. Inoltre è cresciuta anche la dimestichezza e la fiducia nell'online e nei pagamenti digitali. LA REGIONE PUGLIA A SOSTEGNO DELLE PMI CON IL BANDO INNOPRECESS Per agevolare l’utilizzo e la diffusione di servizi digitali innovativi, innovare l’ambito produttivo, finanziare interventi di riorganizzazione aziendale a causa dell'emergenza sanitaria Covid-19, la Regione Puglia lancia la misura Innoprocess e stanzia 13 milioni di euro come risorse totali destinate alla ripartenza economica. Attraverso l'Avviso pubblico Innoprocess, Regione Puglia vuole infatti supportare le micro, piccole e medie imprese nella realizzazione di soluzioni ICT (Tecnologia dell'informazione e della comunicazione) come commercio elettronico, cloud computing, manifattura digitale e sicurezza informatica, coerentemente con la strategia di smart specialisation. Innoprocess intende favorire l'incremento della domanda di innovazione da parte delle imprese e l'attivazione di processi virtuosi di innovazione utili alla crescita delle aziende e della competitività del sistema produttivo pugliese.    CHI PUÓ PARTECIPARE Il bando è aperto a micro, piccole e medie Imprese (MPMI) in forma singola o associata, in Consorzio, Associazione temporanea di imprese (ATI), Reti di imprese con personalità giuridica (Reti-soggetto) o Reti senza personalità giuridica (Reti-contratto) che • siano iscritte alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA); • abbiano codice primario ATECO ammissibile • abbiano sede legale o unità locale oggetto di investimento in Puglia; • posseggano la dimensione di micro, piccola, media impresa (MPMI); • posseggano la capacità economico-finanziaria. Il costo massimo per singolo progetto è di 270.000 euro per domanda presentata in forma singola oppure l'importo può arrivare a 400.000 euro per progetti presentati in forma associata. Gli investimenti devono avere durata di 12 mesi, più ulteriori 3 mesi, e devono essere avviati in data successiva alla data di presentazione della domanda di accesso al bando. Le imprese interessate potranno presentare domanda di partecipazione sul portale Sistema Puglia dalle ore 12 del 27 luglio 2020.  I FONDI DELLA REGIONE PUGLIA A SOSTEGNO DELL'E-COMMERCE Tra le attività ammissibili a finanziamento lo sviluppo e adozione di soluzioni e-commerce. Tra le spese ammissibili, oltre ai costi per consulenza, strumentazione e attrezzature, ci sono anche quelli per l'acquisizione di brevetti e licenze e, soprattutto, i costi del personale utilizzato per il raggiungimento degli obiettivi.  Per maggiori informazioni CONTATTA I-factory, agenzia web Google Partner a Bari, specializzata nello sviluppo di soluzioni e-commerce: ti forniremo supporto nella fase di redazione, presentazione e nello sviluppo di progetti in ambito web.    

Il nuovo portale e-commerce per Confetti Andria

Confetti Andria di Mucci Alberto presenta il suo nuovo shop online realizzato da I-Factory per la vendita online dei prelibati confetti pugliesi. Il sito permette di acquistare direttamente online la ricca gamma di prodotti dell’azienda andriese in diversi formati, colori, tipologie e gusti, scegliendo la quantità che più si desidera anche per grandi occasioni e ricorrenze. Da questo momento è disponibile il nuovo store online dove scoprire prodotti a marchio Mucci di grande qualità e bontà. Anche per shop.confettiandria.com è previsto un supporto post lancio del sito che comprende strategie per ampliare il proprio mercato e aumentare le conversioni grazie ad attività SEO, SEA, content marketing e customer service di primo livello. Grazie ai reports che Google Ads fornisce sulle performance del portale e-commerce, sarà possibile formulare costantemente progetti vincenti per Confetti Andria di Mucci Alberto.   DAI UNO SGUARDO ALLA NUOVA PIATTAFORMA DI CONFETTI ANDRIA

I-factory lancia I-QODE, la web app eliminacode

I-factory, azienda attiva nel settore del web e software consulting che si propone di aiutare le aziende a sfruttare al meglio la rete per migliorare il proprio business, lancia I-QODE, la web app creata per eliminare le code e monitorare i tempi di attesa da smartphone. COME FUNZIONA I-QODE è la web app che consente ai clienti di mettersi in coda e monitorare i tempi di attesa anche a distanza attraverso smartphone. Il sistema eliminacode digitale è studiato per regolare le prenotazione e l’afflusso di clienti e utenti in luoghi affollati come supermercati, farmacie, negozi, ambulatori, studi medici, enti pubblici, musei e ovunque sia necessario creare un servizio di attesa. RENDI SMART L’ATTESA PER I CLIENTI Attraverso la web app I-QODE il cliente può prenotare il proprio posto in coda e monitorare l’avanzamento della stessa semplicemente consultando una pagina web. La web app consente in alternativa di registrarsi all’arrivo, staccare un “biglietto virtuale”, scansionare il QR code posto all’inizio della coda e allontanarsi senza problemi, monitorando comodamente, attraverso il proprio smartphone, l’avanzamento della coda a distanza. I-QODE non richiede il download di un’app sul proprio dispositivo e può essere utilizzata su tutti i device mobile (tablet o smartphone) Android e Apple. I-QODE PER I GESTORI DI PUNTI VENDITA Il sistema digitale eliminacode I-QODE agevola inoltre l’organizzazione del lavoro e del personale del punto vendita o del luogo di interesse consentendo al gestore di regolare la numerazione e gestire contemporaneamente più punti vendita (es. catena di supermercati). CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI 

L'impatto dell’emergenza covid-19 su acquisti online, social e traffico web

Qual è l’impatto dell’emergenza sanitaria legata al covid-19 sugli acquisti online, social e traffico sui siti web? Mailup, piattaforma di e-mail marketing, ha condiviso uno studio che raccoglie i primi dati legati all’emergenza che l’Italia sta attraversando e che sta modificando le abitudini e i comportamenti di acquisto degli italiani in questo momento in cui vige l’imposizione della distanza sociale. Gli effetti dell’emergenza covid-19 sul mercato e sui consumi, come si evince da questa prima analisi, sono stati immediati sia nel mondo della comunicazione che nel settore e-commerce. In base ai dati raccolti da Cloudflare, società digital statunitense, che monitora l’andamento del traffico a livello globale, nel periodo che va dal 15 al 20 marzo 2020 il traffico internet nelle regioni del Nord dell’Italia è cresciuto del 30% rispetto al periodo 1-8 gennaio 2020. Nello stesso periodo l’utilizzo delle app di messagistica è triplicato rispetto ai periodi precedenti, l’utilizzo dei sistemi di streaming video è raddoppiato e l’accesso ai siti di notizie è aumentato fino al +60%. L’IMPATTO DELL’EMERGENZA COVID-19 SUI SOCIAL Inutile sottolineare che sin dal primo momento l’emergenza coronavirus ha modificato radicalmente la comunicazione sui canali social di brand e degli influencer. Dalla notizia del primo caso di contagiato da covid-19 in Italia (21 febbraio) fino al 27 febbraio sui social si sono registrate 153 mila conversazioni contenenti le sia la keyword Milano e Coronavirus che hanno generato quasi 5 milioni di interazioni. La domanda che i social media manager e gli influencer si sono posti è stata “come essere utili in questa situazione?”. Adattando rapidamente la comunicazione e stravolgendo il piano editoriale, è stato necessario reagire a questa nuova e imprevedibile situazione di distanza sociale che ha reso il web il punto di contattato con clienti e utenti. Le stesse piattaforme social hanno reagito all’emergenza cercando di mettere al riparo gli utenti da pericolose fake-news, contenuti con false affermazioni o teorie del complotto e invitando gli iscritti ad affidarsi a fonti affidabili. Sia Facebook sia Instagram  hanno quindi introdotto delle notifiche che rimandano alle informazioni veicolate dalla World Health Organization, l’agenzia dell’Organizzazione delle Nazioni Unite specializzata nella sanità pubblica. Il WHO ha inoltre aperto ufficialmente il suo canale TikTok per combattere le fake news sul contagio da covid-19. Oltre ad aver messo a disposizione degli utenti G Suite gli strumenti per affrontare smart working e e-learning da casa, Google ha per il momento sviluppato negli USA un sito per rispondere alle domande sull’epidemia e un portale su cui eseguire uno screening a distanza (al momento è attivo solo per la Bay Area di San Francisco). In Italia Microsoft, all’interno del programma di “solidarietà digitale” voluto dal governo, si impegna ad offrire sistemi digitali a supporto della popolazione. L’IMPATTO DELL’EMERGENZA COVID-19 SULL’E-COMMERCE É facile dedurre che l’emergenza sanitaria ha modificato, forzatamente, anche le abitudini di acquisto e abbia dato impulso al sistema e-commerce. Secondo i dati Nielsen nella prima settimana di emergenza i prodotti di largo consumo online sono aumentati dell’81%. Nella settimana tra il 24 febbraio e 1 marzo sono cresciute a doppia cifra anche le vendite della GDO a causa della preoccupazione dei consumatori: +17,8% per i discount e più 14,6% per i supermercati. La società di ricerche di mercato IRI ha analizzato i primi dati relativi alle vendite online: in uno scenario in cui il canale negli ultimi mesi si era assestato intorno al 40%, durante la prima settimana di emergenza coronavirus si è registrato un aumento del 58,3% delle vendite dei retailer on-line puri e di quelli tradizionali operanti anche nell’e-commerce.     I-factory propone soluzioni per pianificare, avviare e gestire la presenza online di ogni tipologia di business. RESTIAMO IN CONTATTO 

Digital Trend 2020: le strategie di Content Marketing

Il 2020 è già iniziato e tra i buoni propositi per questo nuovo anno le aziende che ambiscono a distinguersi sul web non potranno fare a meno di pensare a due topic fondamentali: content marketing e micro influencing. Quanto conta il contenuto sul web? Per rispondere a questa domanda basta pensare che solo nel 2019 sul web sono stati scritti oltre 3 milioni di contenuti blog che hanno generato 20 miliardi di visualizzazioni al mese. Sempre più aziende investono infatti nei contenuti (blog, podcast, newsletter e social) e il content marketing ha raggiunto la sua fase di maturità e stabilità. Il blog per favorire l’indicizzazione delle pagine. Secondo i dati di Search Engine Journal i blog sono responsabili del 434% in più di pagine indicizzate e del 97% in più di link indicizzati. Il gioco vale la candela ma a patto che si tratti di contenuti web pertinenti e originali e secondo le statistiche il 47% degli acquirenti e-commerce b2b vede dai 3 ai 5 contenuti del blog del portale prima di procedere all'acquisto. La regola generale per scegliere contenuti da pubblicare è quella di conoscere il proprio pubblico e dare ai  lettori quello che si aspettano, sia nella forma (utilizzando sottotitoli, paragrafi, parole chiave) che nei contenuti (approfondimenti tecnici, approfondimenti sugli articoli o i brand venduti sul tuo store online o proposti dalla tua azienda). Il 70% dei consumatori preferisce conoscere un'azienda tramite articoli, piuttosto che annunci pubblicitari e  un articolo blog rappresenta una strada per informare clienti ed educarli portandoli verso l'acquisto. Esternalizza la produzione di contenuti L’articolo di un blog può richiedere da 1,5 a 6 ore di lavoro in base alla complessità e non tutte le aziende possono permettersi un copywriter tempo pieno. Ecco allora che entrano in gioco le agenzie web che si occupano della ricerca di parole chiave, la scelta degli argomenti e al social media marketing. Secondi i dati di Hubspot il traffico di un sito web può aumentare fino al 30% pubblicando tra i 24 e i 51 post sul blog a patto che i contenuti siano coerenti e facciano parte di un insieme di attività funzionali al successo di un sito o di un e-commerce.   CONTATTACI ORA

E-commerce: +30% nel 2019

Il giro di affari dell’e-commerce nel 2019 si attesa sui 35,6 miliardi di euro con un aumento del 30% sul 2018 e del 140% sul 2015. A stimarlo è l’Ecommerce Report 2019 realizzato dall’Ecommerce Foundation e commissionato da SAP. La crescita del canale supera la crescita ogni altro canale di vendita: a dimostrarlo sono i dati dell’ultimo Black Friday e le stime delle vendite natalizie online. Se nel 2015 il 69% degli Italiani era online, nell’ultimo anno la percentuale arriva al 79% e il 37% effettua almeno un acquisto via Internet all’anno. Il metodo di pagamento più utilizzato sembra essere PayPal, scelto dalla maggior parte degli utenti sia per l’acquisto dei prodotti che dei servizi. Il PC è ancora lo strumento prediletto per finalizzare gli acquisti (55% degli utenti) ma cresce l’uso degli smartphone. I più attivi negli acquisti sono gli utenti compresi tra i 25-54 anni e gli over 65 acquistano online più dei giovanissimi della fascia 15-24 anni. Ma come si colloca l’Italia nella classifica globale delll’e-government? Siamo al 22° posto su 193 Paesi e per scalare la classifica sarebbe necessario investire nelle infrastrutture di TLC e aumentare la copertura della rete nelle aree più lontane dai grossi centri urbani. “Oggi parliamo di e-commerce ma sarebbe più opportuno parlare di commerce – ha specificato i Ivano Fossati, chief operating officer Emea South, Sap Customer Experience – perché nell’era dell’Experience Economy anche andare in un negozio fisico è un’attività che viene collegata all’esperienze su altri canali e - conclude - vengono ultimamente aperti sempre più store anche fisici a supporto dell’attività online.“   SVILUPPA IL TUO PROGETTO E-COMMERCE: RICHIEDI UNA CONSULENZA

PMI, i finanziamenti e le agevolazioni per sviluppare sistemi e-commerce

Entro la fine del 2019 l'ecommerce b2c supererà in Italia i 31,5 miliardi di euro grazie a una crescita trainata dagli acquisti ma ancora rallentata dalle basse competenze digitali all'interno delle pmi: secondo le stime di Netcomm - Consorzio del Commercio Digitale Italiano, ad oggi infatti solo il 10% delle imprese italiane vende i propri prodotti online.  Digitalizzare la propria attività per gli imprenditori non è più una scelta ma una necessità e, proprio per rispondere alla sempre più urgente esigenza di innovazione, sono ormai numerose le agevolazioni nel campo della digitalizzazione come il finanziamento dedicato alle PMI da SACE SIMEST (Gruppo CDP).  Il Finanziamento SACE SIMEST per lo sviluppo di sistemi “E-Commerce” è pensato per quelle aziende che vogliono aumentare le vendite all’estero sfruttando le potenzialità del commercio elettronico. L’impresa può finanziarsi sia per realizzare direttamente la propria piattaforma informatica, sia per aderire a un market place fornito da soggetti terzi. La durata del finanziamento è di 4 anni, di cui uno di pre-ammortamento (ossia pagamento dei soli interessi).  Il Finanziamento SACE SIMEST per l’E-Commerce rappresenta oggi un’opportunità per tutte le imprese con sede legale in Italia (anche costituite in forma di “Rete Soggetto”) che desiderano accedere a un credito per: a) realizzare direttamente una piattaforma informatica finalizzata al commercio elettronico; b) utilizzare un market place finalizzato al commercio elettronico fornito da soggetti terzi.  Entrambe le soluzioni devono avere un dominio di primo livello nazionale registrato nel Paese di destinazione e devono riguardare beni e/o servizi prodotti in Italia o distribuiti con marchio italiano.  Per poter accedere al finanziamento è necessario aver depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.  Il finanziamento per lo sviluppo di soluzioni e-commerce può coprire fino al 100% delle spese preventivate, fino a un massimo del 12,50% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.  L’importo massimo finanziabile è di € 300.000,00 per la realizzazione di una piattaforma propria e di 200.000,00 euro per l’utilizzo di un market place fornito da soggetti terzi   È possibile ottenere maggiori informazioni nella sezione e-commerce del portale myarea.sacesimest.it   SVILUPPA IL TUO PROGETTO E-COMMERCE: RICHIEDI UNA CONSULENZA  

E-commerce e sostenibilità: le soluzioni a vantaggio dell'ambiente

Il 70,3% degli acquirenti digitali italiani sarebbe disposto a pagare di più per un prodotto che sia ecosostenibile: è quanto emerge dalla ricerca del comparatore di prezzi Idealo. La percentuale arriva a toccare il 78% tra i giovanissimi dai 18 e i 24 anni, probabilmente sulla spinta della mobilitazione ambientalista degli ultimi anni, e diminuisce con l’aumentare dell’età degli intervistati. Le più attente alle tematiche green economy ed economia circolare sarebbero le donne che acquistano online (+11% rispetto agli uomini). Ma quanto sono disposti a spendere di più gli italiani a vantaggio della sostenibilità ambientale? I consumatori dichiarano di essere disposti a spendere tra l'11 e il 20% in più per un prodotto ecologico, soprattutto se questo appartiene alle categorie Cibo & Bevande, Elettronica Giocattoli & Gaming, Bambini & Neonati e Sport & Outdoor. Gli e-commerce del futuro dovranno quindi dimostrare attenzione verso la green economy mirando a ridurre l’impatto ambientale. Ma in che modo? Molto si sta già facendo grazie alle innovazioni tecnologiche e un attento monitoraggio delle attività e, sebbene negli scorsi anni il settore food online abbia registrato un boom nella vendita di prodotti ortofrutticoli bio, la diffusione dell’e-commerce ha sollevato problemi legati all'ambiente quali la gestione degli imballaggi e il trasporto della merce dal venditore al consumatore. Grazie all’esempio di aziende eco-virtuose si sta lavorando al problema degli imballaggi: Thrive Marke, ad esempio, è una società di e-commerce con sede a Los Angeles con l’obiettivo di vendere cibi sani in tutta l’America a prezzi convenienti e con zero rifiuti prodotti. “Abbiamo fatto tutto il possibile per garantire che il 99% delle nostre confezioni fosse di carta riciclata e che tutta la nostra stampa utilizzasse coloranti vegetali e non sintetici –spiega il fondatore d Thrive Market Gunnar Lovelace – e abbiamo portato lo stesso livello di intenzione al nostro approvvigionamento di prodotti, lavorando solo con marchi che condividono i nostri valori e trasportano prodotti che non solo soddisfano, ma superano i nostri rigorosi standard ambientali ed etici”. Tra i big player troviamo poi Amazon che ha studiato un sistema di imballaggio “apertura facile”, che elimina le parti in plastica degli imballaggi, Ebay che si mobilita per offrire ai suoi clienti guide per spedire in eco sostenibili e in Italia Yoox che ha messo a punto confezioni sostenibili e certificate a livello internazionale. La sfida più grande riguarda però le consegne. Quali sono le possibili soluzioni per salvagurdare l'ambiente? Accordarsi con i clienti per  effettuare consegne certe è un primo e necessario passo per evitare viaggi a vuoto ma non del tutto sufficiente a ridurre i danni ambientali. In futuro sarà quindi fondamentale investire nei veicoli elettrici e nei droni. Per il presente è possibile ottimizzare le consegne puntando, ad esempio, su armadietti per il ritiro delle merci acquistati online situati in aree di transito, bar, supermercati ed edicole predisposte al ritiro dei pacchi.   Richiedici una consulenza per il tuo progetto e-commerce 

My Dealer, partner tecnologico per Concessionarie, Officine e Ricambisti

Nato dall'esperienza ultradecennale di I-factory nel settore automotive, My Dealer è il partner tecnologico per concessionarie e operatori del settore automotive che desiderano affrontare le sfide del digitale e affermarsi come leader di mercato. My Dealer offre a concessionarie, officine e ricambisti gli strumenti per percorrere la strada dell’innovazione: dalla realizzazione di Siti Web performanti alla gestione di sistemi di Business Intelligente, dal Web marketing all’Analisi e Consulenza Aziendale, My Dealer offre alle aziende tutti gli strumenti necessari per interfacciarsi con le Case Madri a livello tecnologico e per raggiungere gli obiettivi commerciali di vendita di automobili e servizi. ANALYSIS MyDealer è lo strumento migliore per tenere sotto controllo l'andamento della propria azienda e valutare la strategia più adeguata per aumentarne la competitività. MyDealer consente di analizzare tutte le informazioni riguardanti la propria attività ed estrarne dei KPI personalizzati per settore: • gestione utenti • analisi di vendita (marchio, nuovo, usato, ecc..) • analisi dello stock (logistica, status veicolo, ecc..) • analisi amministrativa/finanziaria (saldi cliente, fatture, ecc..) • analisi magazzino (consegne, pagamenti, ecc..) • analisi officina (ingressi, commesse, ecc..) dai quali è possibile monitorare tutti gli aspetti del proprio business, secondo i parametri che si ritengono più rilevanti. BUSINESS INTELLIGENCE Integrata con le soluzioni gestionali, la Business Intelligence mette a disposizione della concessionaria gli strumenti per raccogliere, memorizzare e analizzare informazioni strategiche per il business con l'obiettivo di migliorare le prestazioni e affrontare con sicurezza il processo di crescita aziendale. My Dealer offre alle concessionarie un sistema evoluto di Business Intelligence specifico per il settore automotive e basato sulla tecnologica web. CONSULTING Siamo in grado di fornire la formazione indispensabile al corretto utilizzo di MyDealer, attraverso: • PERFORMANCE COACHING forniamo una formazione di primo livello sui software Infinity e Concerto. Possiamo essere il referente interno per il software Inifinity e Concerto. • ON SITE TRAINING formiamo il personale della tua concessionaria, affinchè possa coprire tutti i processi aziendali dalla gestione dei lead alle azioni dirette sui prospect acquisti, dalla strutturazione del BDC fino alla gestione del web marketing. SOLUZIONI DI WEB MARKETING Il nostro team sarà un valido supporto sia per l'ideazione di strategie di promozione online dei servizi/prodotti proposti dal sito web tramite attività SEM, E-Mail Marketing, Lead Generation, Digital PR, Campagne Google Ads sia per la pianificazione e attuazione di tecniche di comunicazione integrata con le più importanti piattaforme social (Facebook, Linkedin, Twitter, Instagram). Autoclub Group, Concessionaria Fiat, Lancia, Abarth e Fiat Professional per Bari, Bat e Taranto e Concessionaria Citroën, Citroën Professional e DS per Bari Provincia, Matera e Foggia ha scelto My Dealer come partner tecnologico. RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Dalosrl.com: è online il nuovo e-commerce sviluppato da I-Factory

Azienda leader nel settore degli accessori moda, Dalo srl è una realtà attiva da più di 25 anni e si occupa della vendita all’ingrosso di accessori moda Made in Italy. Alta qualità, costante ricerca di nuove tendenze e attenzione verso le richieste del mercato rendono Dalo il punto di riferimento per chi cerca accessori artigianali per uomo, donna e bambino e ideali per qualsiasi esigenza.   In un'ottica di espansione sul mercato online, Dalo srl ha affidato a I-factory lo sviluppo del progetto e-commerce per la vendita B2b online di accessori moda. L’azienda web supporta il progetto Dalosrl.com nell’elaborazione di strategie di comunicazione digital, SEO, SEM, advertising e nella gestione del customer service di primo livello. Il vasto catalogo online Dalo comprende un’ampia gamma di cappelli, sciarpe, stole, cravatte, gilet, papillon, pochette, cinture bretelle e ombrelli di qualità rigorosamente made in Italy, sia estivi che invernali, per uomo e donna. Lo Shop Online Dalosrl.com dedica una parte del catalogo agli accessori moda per bambino proponendo un vasto assortimento di cuffie, berretti, papillons, bretelle e sciarpe, con diversi colori e taglie per i più piccoli. SCOPRITE QUI IL NUOVO SHOP ONLINE DALOSRL.COM

Olio d'Oliva, le opportunità dell'e-commerce

Tra le produzioni che meglio rappresentano l’Italia nel mondo una posizione privilegiata è determinata dall’olio d’oliva, ambasciatore della genuinità agroalimentare e della vocazione all’agricoltura di qualità. L’Italia ha un patrimonio olivicolo unico al mondo per varietà e qualità: ad oggi si contanto 850.000 aziende coltivano l’olivo e sono state censite circa 700 differenti cultivar di cui neanche 300 in commercio. Guardando dentro e fuori i confini italiani notiamo come il mercato mondiale dell’olio di oliva è costantemente in crescita. Perché l’e-commerce può rappresentare una straordinaria per i produttori di olio d’oliva? Un sito e-commerce non è solo un contenitore di informazioni ma è un negozio virtuale con un alto tasso di interazione con l’utente. Il web rappresenta oggi inoltre un’ottima opportunità per promuovere l’agroalimentare sui mercati internazionali grazie alla generazione contatti e prospect. Il successo online non si raggiunge necessariamente con l’investimento di grandi capitali: la vendita può avvenire attraverso la costruzione di un portale e-commerce aziendale o attraverso market place dedicati al settore olivicolo. Per determinare il successo di un progetto web occorre inoltre strutturare la giusta strategia web e social con la costruzione di una campagna su misura costruita da una web agency esperta in e-commerce. IL PROGETTO E-COMMERCE GUSTOLIO PUGLIA GustolioPuglia.it è una piattaforma per la promozione e vendita online di olio d’oliva. L’obiettivo del progetto è promuovere i frantoi integrando azioni di marketing territoriale e agroalimentare che esaltino la qualità del sistema produttivo italiano nel settore olivicolo. Ogni frantoio aderente al progetto può calibrare la sua presenza sul web con azioni mirate al fine di favorire la diffusione dei brand del comparto olivicolo italiano. Gustolio rappresenta quindi un valido strumento per aumentare la visibilità, comunicare la qualità della produzione aziendale attraverso informazioni sui processi produttivi e vendere in modalità e-commerce per soddisfare in tempi brevi le esigenze di produttori e clienti online. La piattaforma si pone come intermediario tra azienda e cliente fornendo supporto logistico, mettendo a disposizione del produttore un customer service dedicato, garantendo alle aziende azioni mirate di web marketing, posizionamento SEO e SEM e misurando e quantificando i risultati ottenuti per ottimizzare le strategie di vendita online. Sei un produttore desideri vendere il tuo olio d'oliva online? Contattaci QUI

Apulia Parfum, I-Factory sviluppa l'e-commerce dedicato a profumi Made in Puglia

Raccontare la Puglia attraverso una linea di profumi e profumatori d'ambiente ispirati a questa magica terra: questo il progetto di Apulia Parfum, il nuovo e-commerce dedicato al mondo dei profumi, sviluppato da I-factory, web agency a Bari. Il viaggio sensoriale di Apulia Parfum avviene attraverso la creazione di profumi di altissima qualità ispirati a iconici elementi pugliesi: vento, sole, mare, ulivi secolari, fresche pinete, succosi melograni, notti stellate, magici trulli e preziosi vigneti, tappe fondamentali di questo viaggio olfattivo. Le fragranze create da Apulia Parfum sono catturate e racchiuse negli eleganti diffusori, ideali per regalarsi o regalare momenti di benessere. La linea Apulia Parfum si completa con profumi e acque profumate per il corpo , ispirate alle più esclusive fragranze per uomo e donna, e una linea di accessori per vivere il tempo libero in puro stile Made in Puglia.   SCOPRITE IL NUOVO SHOP ONLINE APULIA-PARFUM.COM

GDO: ad Aprile +34,7% per le vendite online

La distribuzione punta sulle vendite online registrando ad aprile 2019 +34,7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Negli ultimi 12 mesi il totale delle vendite ha raggiunto infatti quota 471,6 milioni di euro con un +35,9% rispetto al periodo precedente. “In questi primi quattro mesi del 2019 tutti i principali comparti del largo consumo confezionato hanno fatto segnare crescite superiori al 30% – commenta Marco Colombo, Director Solutions & Innovation di Iri, società che si occupa di analisi di mercato. A registrare un picco di vendite è il comparto dei surgelati: un caso emblematico se si pensa alle difficoltà di consegna ma che testimonia come il continuo miglioramento della filiera distributiva possa innescare una crescita esponenziale del mercato delle spesa online. Tra i best seller online troviamo anche le confezioni di prodotti voluminosi, fattore che evidenzia come la spesa online vada a soddisfare la richiesta del servizio a domicilio: “Eliminare la fatica del trasporto e l’opportunità di fare scorta riducendo così la frequenza di acquisto, sono due importanti driver di scelta di questo canale” spiega Marco Colombo. Sebbene dunque gli acquisti sul web risultino in media più cari di oltre dieci punti percentuali rispetto ai negozi tradizionali, l’utente che acquista online cerca un servizio ed è disposto a pagare di più per ottenerlo. “Se le grandi medie hanno un senso – conclude Colombo - le motivazioni all’acquisto nel canale virtuale non vedono al primo posto la ricerca della pura convenienza di prezzo”.   I-Factory propone soluzioni per pianificare, avviare e gestire la presenza online di ogni tipologia di business. Contattaci per un preventivo gratuito

Interno12.it è il nuovo e-commerce realizzato da I-factory

Interno12.it è il nuovo e-commerce realizzato da I-factory, web agency specializzata nello sviluppo di portali e-commerce e sviluppo software. Concept store dalle mille sorprese, INTERNO12 nasce dalla passione per il fashion e per il design dei suoi padroni di casa, Daniela e Andrea, entrambi cresciuti nel campo della moda e della comunicazione. La nuova e-boutique propone una vasta selezione moda per donna e uomo dei più importanti brand di abbigliamento, accessori e scarpe come Alpha Studio, Attic and barn, Blanca Luz, C.P. Company, Dansko, Diega, Daniela Tortona, Corridoni37 Milano, Kangol, Niu, Madame Shoushou, Rame, Pour Moi, RRD e tanti altri brand in costante aggiornamento ogni settimana. Sul nuovo shop online sarà possibile esplorare le categorie dedicate ad abiti, accessori, camicie, cappotti, giacche, pantaloni, vestiti, scarpe e completare il proprio look con borse, cappelli e accessori. Interno12.it effettua spedizioni in tutta Europa e offre consegna grauita e reso gratuito in 7 giorni in tutta Italia. VISITA IL NUOVO SHOP ONLINE INTERNO12.IT

Growth Hacking e il “funnel dei pirati” per aumentare le vendite

Sempre più spesso sentiamo parlare di Growth Hacking, ma cosa vuol dire esattamente? Il termine è stato coniato nel 2010 da Sean Ellis per definire il processo di rapida sperimentazione attraverso una serie di canali di marketing e web marketing per individuare i modi più efficaci per far crescere un business. In generale possiamo dire che le strategie di Growth Hacking sono consigliate per le startup ma in realtà qualunque PMI o grande azienda potrebbe far ricorso a questo metodo per migliorare le vendite.  Sottolineiamo che affinchè una strategia di marketing sia vincente è necessario che il prodotto o servizio sia utile e competitivo. Il passo successivo? Individuare i nostri clienti – o buyer personas – raccogliendo informazioni su età, sesso e istruzione, valori, sfide e punti di debolezza e comprendere la customer journey, ovvero il percorso del cliente dal primo contatto con il brand fino alla fidelizzazione. Una dei metodi di Growth Hacking più utilizzato è il funnel dei pirati o AARRR ideato dall’impenditore Dave McClure. Il nome ricorda il verso di un pirata all’arrembaggio ma è semplicemente l’acronimo delle 5 metriche focus che determinano il successo del business online: 1) Acquisition 2)  Activation 3) Retention 4) Referral 5) Revenue Con Acquisition definiamo la prima fase, ovvero il momento nel quale i potenziali clienti vengono in contatto con il brand. I nuovi visitatori vengono acquisiti sfruttando le strategie di SEO, SEM, social advertising, affiliazione, newsletter, canali tradizionali e passaparola. Passiamo poi alla fase 2, ovvero l’Activation, la fase in cui chiediamo all’utente di compiere un’azione significativa per noi (acquisto, compilazione di un modulo di contatto ecc). In questa fase sarà importante capire chi sono gli utenti che non portano a termine l’azione di conversione per ottimizzare la strategia di acquisizione correggendo eventuali errori. Ottenuto il traffico e la conversione passiamo alla fase 3 - Retention - ovvero far tornare i visitatori sul sito e attuare le strategie di fidelizzazione. Per Refarrel, quarta fase, intendiamoil momento in cui il cliente diventa ambassador del brand favorendo il passaparola. Un esempio di strategia della fase refarrel è, ad esempio, l’implementazione di link di affiliazione o la promozione “porta un amico”. Arriviamo infine alla Revenue, fase di monetizzazione, nella quale sarà indispensabile seguire l’andamento delle iscrizioni e delle conversioni, ottimizzando il processo il percorso del cliente e le sue interazioni con e-mail, call to action e azioni di remarketing. In buona sostanza le strategie di growth hacking consentono di definire il miglior percorso per far sì che i visitatori del sito diventino clienti fedeli e ambassador del brand. In che modo? Attaccando il mercato in maniera differente con lo scopo di crescere grazie a strategie innovative che possono essere sfruttate sia da startup che da PMI e grandi imprese.   Richiedici una consulenza per il tuo progetto e-commerce 

LinkedIn per le aziende: come sfruttarlo al meglio

Piattaforma di professional networking numero 1 al mondo, LinkedIn conta ad oggi 610 milioni di utenti registrati. Secondo le stime il 40% degli utenti registrati visita ogni giorno LinkedIn, il tasso di engagement (commenti, likes, condivisioni) aumenta ogni anno del 60% e Digital Trust Report di Business Insider definisce LinkedIn come la piattaforma social che gode di maggior fiducia nel mondo. Il social network per i professionisti si dimostra quindi la rete giusta da sfruttare per perfezionare l’immagine e la reputazione aziendale, sia che si lavori in ottica B2C che B2B. Diventa quindi necessario per le aziende essere presenti sul social network dedicato ai professionisti. Il primo passo? Creare una pagina aziendale completa di tutte le informazioni, necessarie a favorire la brand reputation e la lead generation. Il secondo step è integrare LinkedIn nella strategia di web marketing aziendale prevedendo la pubblicazione di contenuti con cadenza almeno mensile: le statistiche dimostrano che una presenza attiva sulla piattaforma porta il brand ad acquisire follower sei volte più velocemente rispetto a una presenza passiva. INCORAGGIARE LA EMPLOYEE ADVOCACY Una best practice per iniziare a sfruttare al meglio la rete social di professionisti è quella di incoraggiare collaboratori e dipendenti dell’azienda a connettersi con la Pagina. Secondo le stime i dipendenti hanno un numero di collegamenti di primo grado di 10 volte superiore al numero di follower di un’azienda. Proprio per questo le aziende che hanno pensato un piano di employee advocacy hanno il 58% di possibilità in più di favorire la reputazione aziendale e attrarre talenti e collegamenti. CONDIVIDERE CONTENUTI DI VALORE Per quanto riguarda il piano editoriale la regola numero da seguire è quella di pubblicare contenuti di valore attingendo anche a fonti esterni autorevoli per favorire l’interesse dei follower e dei professionisti del settore nel quale si opera. L’azienda su LinkedIn non deve essere autocelebrativa ma produrre contenuti informativi dimostrando attenzione per le news di settore. SFRUTTARE FUNZIONI “SECONDARIE” Su Linkedin è possibile sfruttare le pagine vetrine, ovvero sottodomini della tua Pagina aziendale, utili a mettere in evidenza specifiche aree del tuo business, prodotti mirati a diverse audience o iniziative. È possibile ottenere fino a 10 vetrine. Se l’azienda opera a livello internazionale potrebbe essere utile creare descrizioni per la Pagina anche in 20 lingue diverse. Ciascun utente, in base all’impostazione del suo profilo, visualizzerà il contenuto nella giusta traduzione. SPONSORIZZARE SU LINKEDIN Su LinkedIn gli utenti offrono informazioni molto dettagliate circa il proprio background: studi, esperienze, interessi, gruppi e associazioni. Queste consente di poter usufruire di una piattaforma pubblicitaria ad alta profilazione e di targetizzare in modo estremamente accurato la proprio audience. Per poter definire il formato di annuncio occorre in prima analisi definire l’obiettivo della nostra sponsorizzazione: 1) Obiettivo: visita il sito Web 2) Obiettivo: Engagement 3) Obiettivo: Lead generation 4) Obiettivo: visualizzazioni Video Una volta definita l’obiettivo da raggiungere sarà possibile definire il formato pubblicitario più adatto tra Post sponsorizzati, Ads testuali e Sponsored InMail. MISURARE I RISULTATI CON LINKEDIN ANALYTICS Quali sono i post che ottengono maggiore engagement? Come sta crescendo la pagina aziendale, chi sono i vostri follower? Per ottenere questo genere di informazioni Linkedin mette a disposizione le LinkedIn Analytics per le Pagine, strumento fondamentale per capire come ottimizzare la pubblicazione e valutare la giusta strategia di crescita per la vostra pagina.   I-factory è al fianco delle aziende per la pianificazione e l'attuazione di tecniche di comunicazione integrata sulle più importanti piattaforme social. Contattaci per maggiori informazioni 

I-factory realizza il nuovo e-shop Vasco Caffè

Vascocaffe.it è il nuovo e-commerce realizzato da I-factory, web agency specializzata nello sviluppo di portali e-commerce e sviluppo software. Il nuovo shop online nasce per promuovere sul web la torrefazione pugliese Vasco Caffè che, richiamandosi a una tradizione artigianale del caffè come nelle piccole torrefazioni di una volta, produce un caffè "da intenditori" e non massificato dai processi industriali. Vasco caffè promuove infatti l’arte delicata della produzione di caffè macinando: confezionando giornalmente le miscele, Vasco Caffè offre ai consumatori un caffè sempre fresco e garantisce un rapporto prezzo/prestazioni ottimale e senza confronti.  Per il mondo HO.RE.CA (hotel, ristoranti e bar) Vasco Caffè propone soluzioni personalizzate affinché i partner possano offrire ai propri clienti un espresso impeccabile anche quando si servono pochi caffè. Per i consumatori finali, che desiderano ritrovare il gusto di un caffè eccellente nella quotidianità, Vasco Caffè offre caffè macinato, in grani o in sistemi a capsule o cialde con la comodità dell’acquisto online.  SCOPRITE IL NUOVO SHOP ONLINE VASCO CAFFÉ

5 Regole per far partire il tuo e-commerce con il piede giusto

Prima regola (che vale per tutte le start up): fai un business plan il più dettagliato e realistico possibile, in relazioni anche ad approfondite ricerche di mercato. Se non sei in grado di farlo, affidati a professionisti e Aziende che lo fanno per lavoro. É importante disporre del plafond finanziario necessario a raggiungere il break even ( punto di pareggio) per poter partire con tranquillità. Ricorda che quella che può sembrarti una buona idea di business, non è sufficiente a garantirne il successo. Seconda regola: fare un buon sito di e-commerce è condizione necessaria, ma non sufficiente per garantirne il successo. La parte più importante e fondamentale dell’attività è legata alle attività marketing successive alla messa on line del sito, quindi scegli con attenzione sia il fornitore del sito di e-commerce, che l’Azienda che ti fornirà i servizi di marketing ( on e off line) . Il marketing non può essere considerato un costo fisso, ma è variabile in dipendenza della crescita del fatturato ( dopo la fase di lancio). Sul web tutte le attività sono perfettamente misurabili, quindi puoi valutare con certezza il costo di acquisizione del singolo nuovo cliente . Questo permette di monitorare i risultati ed aggiustare il tiro delle singole attività di advertising. Affidati a consulenti preparati, per i quali siano verificabili le referenze sia in termini di clienti gestiti, che di attività svolte. Verifica che abbiano competenze pertinenti e verticali. Terza regola: differenziarsi individuando la propria nicchia di mercato. Nonostante il mercato on line sia ancora relativamente poco sviluppato in Italia ( infatti on line si vende meno del 5% del totale ) il settore è già molto presidiato, quindi non conveniente vendere commodities ( generi di largo consumo) che costringerebbero il tuo e-commerce a estenuanti rincorse al prezzo più basso, ma prodotti di nicchia con valore aggiunto, cioè identificando i bisogni del proprio cliente ideale, proponendo la soluzione ai suoi bisogni. Attenzione, però, che la nicchia, in cui decidi di lavorare, non sia troppo piccola, ciò potrebbe rappresentare un limite alla crescita del fatturato. Quarta regola: non avere fretta, i risultati non sono immediati. Come per le attività off line, è necessario del tempo per realizzare una comunità fidelizzata di clienti, aumentare la fiducia dei consumatori nel tuo brand, avere buoni posizionamenti nei motori di ricerca. Per questo motivo è necessario realizzare un business plan di almento 24/36 mesi, e non essere eccessivamente ottimisti nelle previsioni di acquisizione di quote di mercato. Quinta regola: non pensare all’e-commerce esclusivamente in termini di vendita di prodotti al consumatore finale. Se sei un distributore / grossista e vendi ai rivenditori, un buon sito di e-commerce B2B potrebbe aiutarti ad automatizzare il flusso di vendita ai tuoi rivenditori, gestire in modo più efficiente la tua rete di agenti, trovare nuovi clienti in un mercato geograficamente più ampio. Se, per esempio, vendi a livello locale, ma hai prodotti ben posizionati nel rapporto qualità/prezzo, potresti pensare di espandere il tuo mercato a livello nazionale, o trovare nuovi canali a cui vendere i tuoi prodotti. In conclusione l’e-commerce è un business complesso che richiede in primo luogo una formazione dell’imprenditore associata alla scelta di una Web Agency capace ed affidabile.   I-Factory è un’agenzia web specializzata in e-commerce e certificata Google Partner. Contattaci per richiedere una consulenza >

Instagram: consigli per far emergere il tuo brand

Quali saranno i prossimi trend instagram per la primavera 2019? Cosa dovranno fare i brand per emergere sul social network del momento? Vediamo insieme quali sono i diktat per non restare indietro rispetto ai competitor. MIGLIORARE L’ENGAGEMENT SU INSTAGRAM Anche nel 2019 l’obiettivo sul social resta lo stesso: migliorare l’engagement. Per farlo i brand dovranno concentrarsi sulle famigerate stories che entrano di diritto nel calendario editoriale di ogni social madia manager. Sondaggi, menzioni ma soprattutto stickers (anche brandizzati) saranno il modo creativo di interagire con i follower. A emergere saranno i brand in grado di cavalcare trend e novità della piattaforma di photo e video sharing. VINCE CHI È VERO  Fotoritocchi e bot? Potrebbero essere out. Nel 2019, infatti, va avanti chi posta esperienze, immagini e storie vere. Lo stesso vale per l’influencer marketing e i brand ambassador: a distinguersi sarà chi pianificherà collaborazioni con micro influencer capaci di comunicare con autenticità i valori del brad, soprattutto sul lungo periodo. Sempre più spesso, infatti, i brand scelgono di lavorare con influencer con un numero di utenti medi tralasciando le costose campagne dei big. Ricapitolando: i contenuti dovranno essere sempre più personalizzati e studiati per specifici target e specifici interessi. MISURARE IL ROI  Commercializzare i prodotti su instagram, sino ad oggi, non è stato così facile per le aziende ma nel 2019 le cose potrebbero cambiare e il social creato da Kevin Systrom e Mike Krieger potrebbe essere supportato da un’app per lo shopping. Inoltre la creazione dell'account Analytics di Instagram, oggi in versione beta, potrebbe fornire alle aziende un vero e proprio tesoro di dati avanzati COME CAMBIANO I MESSAGGI DIRETTI  Instagram Direct, il sistema di messaggistica interno al social ha subito numerose revisioni e ad oggi gli utenti hanno la possibilità di scambiarsi gif, chat video e messaggi vocali. Lo strumento vede un sempre maggiore numero di utenti e si attendono nuovi sviluppi per rendere lo strumento fruibile anche da desktop. L'IMPORTANZA DELLE STORIES Circa 400 milioni di persone che ogni giorno guardano le Instagram Stories: un numero troppo alto per non puntare su questo mezzo di comunicazione per non pensare di investire risorse per la creazione di qualità. Anche in questo caso a vincere sono autenticità e la trasparenza e tanta intereazione con il proprio target: perchè, ad esempio, non lanciare un sondaggio per conoscere il nostro target?  

Come fare dell'e-commerce un business scalabile

Il primo obiettivo che un imprenditore deve porsi nel momento in cui affronta il progetto, ed il conseguente business plan, di un sito e-commerce, che sia B2B o B2C, è la scalabilità dello stesso; il primo passo sarà quello di affidarsi ad una Web Agency capace di sviluppare software personalizzato,  con comprovata esperienza, ed in grado di implementare le fasi successive del web marketing, finalizzate al lancio e alla generazione di lead, da trasformare in futuri clienti. Quando si parte con una attività di e-commerce è ammissibile che l’imprenditore segua, nella fase iniziale, tutti gli aspetti connessi al business, quali i rapporti con i fornitori di merci e servizi (fornitori, banche, logistica)  e che controlli le spese/ricavi, almeno fino al punto di pareggio dell’attività. Successivamente alla fase di startup, sarà opportuno staccarsi dall’attività del day by day, delegando le varie mansioni a collaboratori capaci e partner affidabili. Formare un team di lavoro fidato è un’operazione complessa ma necessaria per automatizzare le procedure, e far si che il business funzioni anche senza la propria presenza. Liberandosi dall’operatività, l’imprenditore avrà tempo per dedicarsi alla ricerca di nuovi fornitori, seguire le attività marketing, migliorare il sito analizzandone il traffico , formarsi e studiare le evoluzioni del mercato, occuparsi, in conclusione, degli aspetti strategici dell’e-commerce. L’aggiornamento continuo è il segreto per mantenere il vantaggio competitivo e non farsi fagocitare dalle big company del settore. Su cosa investire per generare un e-commerce che sia un business scalabile ? Poiché non esiste il sito perfetto, sarà necessario un redesign continuo, investimenti in IT, utilizzo delle moderne tecniche di web marketing comportamentale, avere in grande considerazione il feedback dei propri clienti per una profilazione puntuale degli stessi. Recensioni positive e lista clienti rappresentano il  valore intrinseco dell’Azienda. Nella prossima news vedremo come ottimizzare il sito e-commerce e le relative strategie da adottare.

Il World Wide Web compie 30 anni: come nasce la rivoluzione di Internet

Oggi il mondo celebra i 30 anni del World Wide Web, il sistema di comunicazione che ha rappresentato una vera e propria rivoluzione. Il web nasce il 12 marzo del 1989 quando Tim Berners-Lee, co-inventore insieme a Robert Cailliau del World Wide Web, presentava al Cern di Ginevra un progetto globale sull’ipertesto per la ricerca e la gestione delle informazioni. Sono passati 30 anni da quel giorno, tre decenni durante i quali il www è diventato il principale servizio di internet e ha rivoluzionato lo scambio di informazioni in tutto il pianeta. La prima pagina web fu pubblicata nel 1990 (potete visitarla all’indirizzo http://info.cern.ch/hypertext/WWW/TheProject.html). Si trattava di una descrizione del progetto e conteneva anche alcuni collegamenti ipertestuali utili a raggiungere altre pagine: stiamo parlando dei link, ancora oggi il sistema principale su cui si basa l’architettura delle pagine web. Nel 1991 quando Berners-Lee annunciò pubblicamente la sua invenzione e nel dicembre dello stesso anno fu attivato il primo server negli USA, nello SLAC dell’università di Stanford. Nell’aprile ‘93 il CERN deliberò che “la tecnologia WWW sarebbe diventata utilizzabile da tutti, senza corrispondere tasse al CERN, affinchè il codice fosse accessibile al più alto numero di persone nel mondo.  Per festeggiare questo importante compleanno Google ha dedicato al web un doodle speciale sulla sua homepage. L’animazione rappresenta un vecchio pc in stile anni ’90 collegato a  un cavo di rete che permette un caricamento dell’immagine sullo schermo (che ovviamente si carica molto lentamente come accadeva negli anni ’90). Il CERN ha invece riunito un gruppo di sviluppatori e designer per ricostruire il web di una volta. Se siete curiosi di sperimentare una versione del worldwideweb anni '90 potete farlo qui: https://worldwideweb.cern.ch/browser/ “È il momento di celebrare quanto lontano siamo arrivati, ma anche un’opportunità per riflettere su quanto lontano dobbiamo ancora andare” scrive oggi Berners-Lee in una lettera celebrativa. Il padre del www, attualmente capo del World Wide Web Consortium (W3C), l’organizzazione non governativa con il compito di promuovere internet invita a ragionare sulla nostra relazione con internet e ad attivarci per migliorarla, intraprendendo un il viaggio “dall’adolescenza digitale verso un futuro più maturo, responsabile e inclusivo”.

GDO: I-factory lancia I-Hub, il nuovo modulo di Ge-commerce per gestire le consegne a domicilio

Gestire comodamente e con semplicità tutte le fasi di consegna degli ordini online: è questa la funzione di I-HUB, il software sviluppato da I-factory, azienda di Bari specializzata in software consulting e e-commerce. L’idea nasce di I-Hub per ottimizzare la coordinazione dei flussi di consegna da un punto vendita all’indirizzo del cliente che desidera ricevere una consegna a domicilio. Il software funziona come un vero e proprio Hub digitale che trasmette gli ordini ai punti vendita regolando e organizzando il flusso di consegne delle spese pronte per essere consegne. A chi si rivolge il programma di gestione delle consegne I-Hub? La piattaforma web è studiata per aiutare gestori di punti vendita, sia supermercati che negozi di vario genere che offrono servizio di consegna a domicilio ai propri clienti, a digitalizzare il processo di consegna ottenendo il monitoraggio completo in real time delle consegne in corso e dello storico delle consegne già elaborate. Il tutto utilizzando un pannello di controllo accessibile da PC, smartphone e tablet. Grazie ad I-Hub è possibile gestire rapidamente l’ordine online, dalla presa alla consegna, limitando gli errori e facilitando la gestione con l’obiettivo finale di ottenere la soddisfazione del cliente finale. Le principali funzioni di I-Hub sono - Integrazione con i sistemi logistica/siti e-commerce - Gestione di più punti vendita - Gestione di aree di prelievo - Inserimento della consegna da tablet all’interno del punto vendita/attività - Stampa lettera di vettura - Tracking consegna Gestione consegnatari I vantaggi ottenibili grazie ad I-Hub sono facilmente rintracciabili nell'accuratezza nelle fasi di carico, consegna e ritiro degli ordini online, nel tracking in tempo reale sullo stato della consegna, nella gestione dinamica dei ritiri presso il punto vendita, nella riduzione del sovraccarico amministrativo e nella possibilità di ottenere uno storico ordini e statistiche sulla gestione delle consegne. RICHIEDI INFORMAZIONI SULLA PIATTAFORMA I-HUB  

L’Etichettificio L’Immagine affida a I-Factory l’attività di web marketing sull’intero territorio nazionale

L’Etichettificio L’Immagine, azienda leader nella produzione di etichette personalizzate, ed operante su tutto il territorio nazionale con le sue sedi di Molfetta (BA) e Milano, ha siglato nel mese di Febbraio un accordo, affidando la gestione dell’ attività di promozione web alla I-Factory srl, azienda barese specializzata in e-commerce e web marketing. I-Factory, certificata Google Partner, vanta una lunga esperienza  nello sviluppo e gestione di siti e-commerce e in web marketing,  con l’obiettivo di migliorare il posizionamento dei siti web nei motori di ricerca e  pianificare le attività promozionali. “Una buona visibilità on line è oggi indispensabile per aumentarne il numero di contatti da trasformare in futuri clienti, rafforzare il  brand aziendale, aumentare le vendite” ha dichiarato Pansini Nicola, Direttore Commerciale di I-Factory srl. “E’ per questo motivo che ci siamo affidati ad una web company di comprovata esperienza, che ha già raggiunto significativi traguardi nella gestione di clienti in vari settori merceologici, quali quello  agroalimentare, automotive, abbigliamento, e GDO “ ha confermato Gaetano Armenio, il Direttore Commerciale dell’Etichettificio L’Immagine  L’obiettivo dell’attività sarà quello di generare nuovi contatti B2B, utilizzando le tecniche consolidate di SEO e SEM, contatti “caldi” da trasformare in futuri clienti, avvalendosi della rete commerciale delle agenzie che L’Immagine gestisce sull’intero territorio nazionale.

I-Factory ottiene la certificazione Google Ads Pubblicità per il Mobile

I-factory, agenzia web attiva a Bari da oltre 10 anni, specializzata in e-commerce e Google Partner dal 2016 ha ottenuto una nuova certificazione Google certificandosi come agenzia partner esperta nella pubblicità per il mobile. La certificazione Google "Pubblicità per il mobile" ha validità di un anno e aggiunge alle altre specializzazioni di I-factory in “Principi base di Adwords”, e “Pubblicità della rete di ricerca”.  L'IMPORTANZA DELLA PUBBLICITÁ SU MOBILE Le ricerche su dispositivi mobili costituiscono ormai più della metà di tutte le ricerche effettuate su Google.com ogni giorno nel mondo dagli utenti in cerca di prodotti o servizi e, nel caso di molti inserzionisti, rappresentano la maggior parte del traffico in entrata. Grazie agli annunci per dispositivi mobili è infatti possibile generare chiamate, incentivare il download delle app (o coinvolgere gli utenti che già l'hanno scaricata), ottenere visite al sito per dispositivi mobili e impostare efficaci campagne di remarketing. PUBBLICITÁ SU MOBILE: PERCHÉ AFFIDARSI A UN'AGENZIA CERTIFICATA GOOGLE Per ottenere la certificazione Ads sulla pubblicità per il mobile è necessario superare l’esame ufficiale Google per quanto riguarda la nostra preparazione, aver generato una soglia di spesa minima in pubblicità per il mobile negli ultimi 90 giorni, rispettare le best practices nella creazione, gestione e monitoraggio delle campagne mobile e aver già conseguito la certificazione in “Principi base di Adwords”. Essere un’agenzia Google Partner vuol dire non solo poter apporre il badge Google sulla nostra pagina web ma soprattutto, maturata nell’ambito delle campagne di digital e mobile makerting attraverso lo strumento Google Ads. Visita la nostra pagina ufficiale Google Partner > I-Factory è un’agenzia Certificata Google Partner a Bari. Contattaci per richiedere una consulenza >

I-factory supporta Carelli srl nel progetto di spesa online PrimoPrezzo Express

I-factory, azienda attiva da oltre un decennio nel settore del software consulting e specializzata in e-commerce supporta Carelli srl nel progetto dedicato alla spesa online PrimoPrezzo Express. I supermercati Primo Prezzo Negozio OK, del gruppo Carelli srl, sono un punto di riferimento in Puglia per la spesa quotidiana di qualità e grazie alla folta rete di punti vendita, i supermercati del gruppo Carelli rappresentano la garanzia della spesa buona e genuina “sotto casa” con particolare attenzione al risparmio. Per adattarsi ai ritmi della vita quotidiano dei suoi clienti nel 2016 Carelli srl ha scelto come digital partner I-factory per avviare il progetto PrimoPrezzo Express, una piattaforma web, configurata come un vero e proprio portale di e-commerce, che consente agli utenti di effettuare la spesa on-line e riceverla comodamente e gratuitamente a casa in sole 2 ore dall'invio dell'ordine. I-factory, agenzia web a Bari, ha sviluppato per l’azienda Carelli srl sia il portale e-commerce a supporto della vendita online che il software di gestione della logistica che determina il flusso degli ordini dalla presa in carico fino alla consegna. L’azienda web supporta il progetto PrimoPrezzo Express nell’elaborazione di strategie digital e adv per la promozione del progetto che nella gestione del customer service di primo livello. l team i-factory lavora ogni giorno al fianco di Carelli srl per fornire standard di servizio sempre più elevati ai clienti del supermercato online che richiedono soluzioni sempre più rapide e personalizzate. Grazie ad un servizio efficiente e alla continua innovazione, PrimoPrezzo Express è oggi il supermercato online numero 1 a Bari. Il grande successo del progetto digitale ha permesso di estendere alla consegna a paesi limitrofi al capoluogo pugliese (Modugno e Valenzano) e al lancio dell’app PrimoPrezzo disponibile per dispostivi Android e Apple.   Contatta I-factory e richiedici una consulenza per il tuo progetto e-commerce

I-factory al Marca 2019

In uno scenario caratterizzato da una crescita zero dei consumi di beni alimentari e non alimentari, in Italia i prodotti a marca del distributore segnano invece un trend positivo con una crescita delle vendite del 2%. Il crescente interesse da parte dei consumatori verso i prodotti MDD è da attribuirsi a molteplici fattori tra i quali meritano di essere segnalati, in particolare, l’affidabilità legata alla tracciabilità e la forte propensione all’innovazione digitale e l’attenzione all’ambiente. Questi aspetti sono al centro del Marca 2019, la Mostra Convegno Internazionale dedicata alla marca commerciale e al mondo della grande distribuzione a BolognaFiere dal 16 al 17 Gennaio 2019. I-factory, azienda operativa nel settore del web e software consulting specializzata nello sviluppo di progetti e-commerce per la DO e la GDO è presente al Marca 2019 per presentare i progetti di spesa online e home delivery dedicati alle aziende alimentari e ai supermercati che desiderano sfruttare al meglio la rete per migliorare il proprio business. Secondo le stime oggi circa il 48% dei consumatori utilizza i social media per informarsi su prodotti e offerte, anche attraverso i social network come Facebook, Youtube, Instagram; gli utenti abituali della rete sostengono, infatti, di cercare almeno una volta alla settimana informazioni su prodotti attraverso questi canali. La trasformazione digitale sta inoltre cambiando anche il processo di acquisto: l’e-commerce è un fattore determinante per capire le trasformazioni in atto e se nel 2014 l’ammontare degli acquisti fatti online era di 14,6 miliardi di euro, nel 2018 questa quota ha raggiunto i  30,5 miliardi. Circa il 40% degli Italiani ha fatto un acquisto online negli ultimi 12 mesi e il valore del carrello della spesa continua a crescere e l’acquisto online della della spesa alimentare cresce in tutto il mondo: la conferma viene dagli ultimi dati di Kantar Worldpanel, che registrano un +13% di vendite online di generi alimentari a livello globale da giugno 2017 fino allo stesso mese del 2018. La consegna a domicilio di generi alimentari online è stata adottata da quasi tutti gli acquirenti online britannici e cinesi ed è interessante il margine di crescita in Francia, Spagna e Italia. Con case history di successo come Frhome.it e PrimoPrezzo Express, I-factory si è distinta come azienda partner per GDO e DO nella costruzione di progetti di spesa online a 360 gradi. L’ultimo prodotto presentato da I-factory è I-Hub, il software gestionale per la coordinazione dei flussi di consegna di merce da un punto vendita sino al domicilio dell’acquirente. Desideri maggiori informazioni su i-hub e i-ecommerce? Contatta i-factory

I-factory, e-commerce no problem

Aiutare le aziende a cogliere tutte le opportunità che l'e-commerce può offrire, offrendo un supporto a 360 gradi, è l'impegno di I-factory, azienda che opera nel settore del web e software consulting specializzata nella progettazione di portali e-commerce a Bari. Vendere online può offrire grandi opportunità, affacciare le aziende su nuovi mercati  e aumentare notevolmente i profitti: l'e-commerce in Italia nel 2017 ha registrato un incremento del fatturato del 20% rispetto al 2016 dimostrando grandi potenzialità di crescita per il futuro prossimo. Avviare un'e-commerce è una grande opportunità per il presente e per il futuro della aziende ma rappresenta anche un impegno in termini di risorse e investimenti: i-factory, web agency a Bari, è al fianco della aziende che desiderano avviare un e-business con soluzioni all inclusive. Da oltre 10 anni progettiamo a realizziamo piattaforme e-commerce altamente performanti, attraverso soluzioni su misura, realizzate per soddisfare le esigenze del retailer e con grande attenzione alla user exprerience. DALLA PIANIFICAZIONE ALL'OPERATIVITÁ, I-FACTORY VALORIZZA IL TUO BUSINESS CON SERVIZI DEDICATI: - Consulenza - Sviluppo portali e-commerce - Integrazione di sistemi di pagamento - Creazione di contenuti in ottica SEO - Web Marketing Strategy - Semplificazione e organizzazione della logistica - Customer Service  La massima cura nell'accessibilità e opzioni avanzate nella gestione tramite backoffice, unite alla ottimizzazione, il posizionamento delle pagine nei motori di ricerca e al Search Engine, fanno di I-factory un affidabile partner per il tuo progetto e-commerce a Bari. Richiedici una consulenza per il tuo progetto e-commerce 

I-Hub: la piattaforma web per gestire le consegne a domicilio

Gestire comodamente e con semplicità tutte le fasi di consegna degli ordini online: è questa la funzione di I-HUB, la piattaforma web sviluppata da I-factory, web agency a Bari, per la coordinazione dei flussi di consegna di merci da un punto vendita al domicilio dell'acquirente. Come funziona I-Hub La piattaforma web consente ai gestori di punti vendita, sia supermercati che negozi di vario genere che offrono servizio di consegna a domicilio ai propri clienti, il monitoraggio completo in real time delle consegne in corso e dello storico delle consegne già elaborate. Il tutto utilizzando un pannello di controllo accessibile da PC, smartphone e tablet. Funzioni del pannello amministrativo I-HUB Attraverso la piattaforma web I-Hub è possibile selezionare organizzare le consegne in tutte le sue fasi. Il pannello di controllo consente agli utenti b2b di: - gestire l'anagrafica cliente - impostare l'indirizzo di consegna e l'area di competenza - individuare il punto vendita addetto alla gestisce l'ordine - richiedere il ritiro dell'ordine da parte di un operatore - impostare i metodi di pagamento -  definire data e ora di ritito e consegna - attribuire un codice univoco (qr code o barcode) a ciascuno degli ordini in elaborazione Ogni ordine inserito nel sistema permette la generazione di una ricevuta contraddistina da tre QRCODE, necessari all'organizzazione e al monitoraggio delle fasi di consegna. Ciascun operatore addetto alla consegna è dotato di un palmare Zebra TC25 per la lettura di qrcode e barcode e per la trasmissione di informazioni al software gestionale. RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI 

I-factory realizza il nuovo e-commerce Romeo Gigli

Facciamo un salto indietro nel tempo e torniamo negli anni '90 con il nuovo e-commerce romeogigliofficial.com sviluppato dalla web agency I-factory. Ri-fondato nel 2018 a Milano, Romeo Gigli fa un ritorno con una collezione prêt-à-porter incentrata su denim e patchwork. La collezione è composta da alcuni pezzi di statement tutto fatto a mano in Italia tagliando e cucendo diverse trame denim. Il nuovo store online dello storico brand è stato realizzato da i-factory mediante l'utilizzo del linguaggio html5 associato con i fogli di stile in css3 rispettando il brief del progetto con uan grafica dal gusto vintage ispirata all'interfaccia windows di fine millennio.   Visita il sito Romeo Gigli  La massima cura nell'accessibilità e opzioni avanzate nella gestione tramite backoffice, unite alla ottimizzazione, il posizionamento delle pagine nei motori di ricerca e al Search Engine, fanno di I-factory, web agency a Bari, un affidabile partner per il tuo progetto web. Richiedici una consulenza per il tuo progetto e-commerce 

E-mail Marketing per eCommerce: i dati dell'Osservatorio 2018

Si stima che entro il 2021 le vendite online potrebbero raggiungere i 4,5 trilioni di dollari con una crescita significativa per l'eCommerce B2C: a godere dei vantaggi saranno senza dubbio le aziende disposte a raggiungere i consumatori scegliendo gli strumenti adeguati come l’email marketing. A confermare questa ipotesi è l'Osservatorio 2018 redatto da Mail Up che, analizzando un intero anno solare di Email Marketing, definisce lo stato di salute degli invii DEM legati proprio al settore ecommerce. L’Osservatorio analizza gli invii di newsletter mettendo a confronto i risultati delle piattaforme legate a eCommerce con quelli delle piattaforme non collegate a uno shop online. Quello che emerge è che gli invii DEM destinati al pubblico B2C, a parità di tasso di recapito, hanno registrato performance migliori proprio per gli invii legati a progetti eCommerce registrando un +30% dei lettori, +67% dei clic e +22% della reattività (CTOR). Analizzando il dato relativo ai click si evince che il CTR (click-through rate o percentuale di click) nel 2017 si è assestato tra il 2% e il 3%. A condizionare questo dato sono due fattori fondamentali: 1) Elementi dell’email quali design, call to action, copy, essere responsive e capacità di persuasione 2) Coerenza tra oggetto  (ed eventuale preheader) e contenuto della newsletter Mantenere la "promessa" enunciata nell’oggetto della newsletter, secondo l'Osservatorio, genera quindi un proficuo aumento del CTR. Inevitabile da parte di Mail Up qualche considerazione sul GDPR e su come influenzerà in futuro i tassi di apertura delle newsletter: secondo le prime considerazioni il nuovo regolamento sulla protezione dei dati personali, attivo da maggio 2018, sarà complice di un incremento dei tassi di  recapito e di apertura grazie proprio all’attenzione che le aziende riserveranno alla gestione dei database dei destinatari. Mantenere in archivio database datati può influire negativamente sulle performance mentre una corretta gestione dei database può mantenere “pulite” le liste dei destinatari, rispettando il fisiologico equilibrio tra cancellazioni e arrivo di nuovi utenti interessati a ricevere le nostre comunicazioni tenendo fede, inoltre, alle tre regole dell’e-mail marketing: profilare segmentare, automatizzare.

Instagram per eCommerce: come sfruttarlo al meglio

Con 1 miliardo di iscritti, tragurdo raggiunto a giugno 2018, Instagram, social network visivo di proprietà di Facebook, è oggi la piattaforma di condivisione più amata dai giovani. Il valore dell’App, sviluppata da Kevin Systrom e Mike Krieger nel 2012 e successivamente acquistata da Facebook, si è centuplicato in soli sei anni rendendo l’acquisto di Instagram senza dubbio il miglior investimento di Mark Zuckerberg. Il fatto che il pubblico di Instagram sia più giovane di quello di Facebook rappresenta un enorme vantaggio dal punto di vista del marketing: secondo i dati di Yotpo.com  il 30% degli utenti ha effettuato un acquisto online dopo avere “scoperto” il prodotto attraverso la condivisione di altri utenti portando il tasso di engagement a circa 58 volte superiore rispetto a quello di Facebook. Secondo una ricerca condotta da Facebook l’80% degli utenti iscritti a Instagram segue almeno un brand e i profili business interagiscono quotidianamente con più di 200 milioni di follower. I dati parlano chiaro: Instagram è attualmente uno strumento imprescindibile per una campagna digital di successo grazie al potenziale illimitato in termini di engagement e conversioni. Come fare dunque a integrare Instagram nella strategia adv di una piattaforma e-commerce? Il primo passo, ricorda Forbes, è rispettare la regola dei terzi, ovvero alternare post promozionali a post conversazionali, puntando quindi alla creazione di una community interessata al settore nel quale si opera. Il brand su Instagram deve promuovere i prodotti e raccontare la propria storia attraverso un linguaggio visivo coerente, descrizioni, caption e la call to action più appropriata.  Instagram Business: come nasce un’opportunità  Nato in seguito alle richieste di aziende che hanno cominciato a utilizzare Instagram per promuovere il proprio servizio/prodotto, Instagram Business è stato rilasciato gratuitamente a partire dal 2016 portando due importanti novità: la funzione Insight e le Instagram ADV. Migrare da un profilo privato a un profilo business facilita l’azienda nella promozione del brand verso l’utente finale e rende più facile la gestione stessa del profilo. Associare la pagina Facebook a alla pagina Instagram del brand consentirà all’azienda di usufruire di funzioni avanzate come Inserzioni sponsorizzate (con la possibilità di utlizzare call to action e definire target e budget delle inserzioni) e l’associazione del catalogo prodotti con link diretto allo shop online (con la funzione tag degli articoli sull’immagine). Instagram Stories: una nuova sfida vinta Introdotte nel 2016, le storie di Instagram sono brevi video e foto da inserire nel proprio profilo per 24 ore e rappresentano oggi uno spazio aggiuntivo per le aziende che desiderano comunicare con i propri followers. Filtri, sondaggi, gif: le funzionalità crescono ogni mese rendendo le stories lo spazio preferito dagli utenti. E se 24 ore non bastano oggi è possibile salvare le storie come contenuti in evidenza permanenti, fornendo agli utenti una presentazione del brand sempre disponibile e, perché no, evidenziare sconti da utilizzare sullo shop online.   Scopri come sfruttare Instagram per promuovere il tuo eCommerce: RICHIEDICI UNA CONSULENZA

E-commerce, come gestire al meglio il customer care

Funzionalità, catalogo fornito, pubblicità: quando un’azienda si affaccia al mondo e-commerce deve tenere conto di questi tre aspetti più uno, fondamentale, ovvero la qualità del servizio clienti. Curare l’assistenza al cliente di uno shop online è il tassello fondamentale nel complesso puzzle di gestione di un e-commerce di successo. Molto spesso infatti, al cospetto di un portale funzionale e intuitivo, un servizio clienti lento o addirittura assente può rappresentare il tallone d’achille nel processo di acquisto. Cosa fa il servizio clienti di un e-commerce? Sebbene si tratti di un negozio “virtuale” il cliente è “reale” e necessita di attenzione e assistenza. Chi naviga e approda su uno shop online desidera sapere che dietro il sito c’è qualcuno pronto ad ascoltarlo, consigliarlo e rassicuralo: semplicemente qualcuno con cui poter comunicare. Quali sono le domande più frequenti che un utente rivolge al servizio clienti? Solitamente le richieste variano in base alla tipologia di business, tuttavia il cliente di un-e-commerce desidera sempre sapere di potersi rivolgere a qualcuno per una registrazione, per effettuare un ordine, per comunicazioni legate alla spedizione, alle modalità di pagamento ed eventuali resi. Dotarsi di un customer care operativo diventa quindi un’esigenza primaria per l’azienda che decide di approcciarsi al business online. Il servizio clienti e la customer experience L’esperienza di acquisto deve essere piacevole, per questo è importante fornire supporto rapido ed efficiente prevedendo la possibilità di richiesta assistenza in molteplici punti di contatto. Nonostante, infatti, l’utente online sia autonomo quasi sempre si rende necessario l’intervento del servizio clienti e-commerce attraverso live chat, mail, telefono, social media: l’utente deve avere la possibilità di comunicare con un servizio clienti rapido ed efficiente. Non dimentichiamo inoltre che il servizio clienti rappresenta la voce dell’azienda e cortesia e professionalità trasmessa al cliente influenzeranno positivamente la sua opinione sul nostro shop online. Assistere il cliente diventa quindi fondamentale in tutte le fasi del funnel di conversione, prestando attenzione a richieste di assistenza nella fase sia pre che post vendita. Ascoltare il cliente serve inoltre a crescere, migliorare e differenziare il proprio shop online dai competitor. Molto spesso però dotarsi di un servizio cliente operativo nei diversi touch point di acquisto vuol dire impiegare risorse umane, tempo e budget.  Per venire incontro alle esigenze di un e-commerce, soprattutto nella fase di start up del progetto, I-factory, web agency a Bari, ha predisposto un un servizio di customer care gestito da esperti di marketing online e vendite da integrare che alle consuete attività di consulenza, sviluppo tecnico e advertising activities come PPC, Google Ads, Facebook Ads, Google Shopping. Il team i-factory, nell’ambito del progetto i-ecommerce, offre dunque un servizio gestionale del tuo e-commerce a 360 gradi incrementando la potenzialità del business online, con attenzione particolare verso il fattore umano, ovvero la gestione dei clienti del tuo e-commerce.   Di cosa si occupa I-factory per il servizio clienti del tuo e-commerce - Assegnazione di una linea telefonica dedicata  - Da 1 a 3 risorse per la gestione di chiamate, e-mail, live chat, social customer care - Gestione Ordini telefonici - Recupero dei "carrelli abbandonati" - Analisi delle richieste pervenute per ottimizzare le attività di web marketing e telemarketing - Gestione dei feedback      Vuoi saperne di più?  RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

I-factory realizza Civica, il social network del volontariato

Creare una community che, attraverso una piattaforma multimediale, possa dar vita una rete virtuosa di cittadini attivi nella città di Bari: questo è l’obiettivo di Civica, il social network del volontariato, sviluppato dalla web agency I-factory, in cui accogliere chiunque voglia prendere parte a progetti no profit. L’idea di Civica è quella di creare una rete di organizzazioni del Terzo Settore, istituzioni, agenzie culturali e social, imprese e cittadini che desiderano collaborare e creare un circolo virtuoso prendendo parte a progetti con fini benefici. Partecipazione, scambio e cooperazione sono le parole chiave del progetto attivo in sei specifiche macro aree: socio – sanitaria, solidarietà sociale  con focus su infanzia, anziani, migranti, educazione, cultura, diritti civili e protezione civile.  "La nostra idea di volontariato si è semplicemente modernizzata utilizzando una piattaforma informatica, la rete internet e i social network – racconta Lia Percoco, vicepresidente della cooperativa Lavoriamo Insieme e capofila del progetto Civica – Grazie alla piattaforma è possibile contribuire attivamente alla vita di Civica e dei suoi progetti grazie a uno scambio di idee e materiale, in termini di forza lavoro o di fondi che possono essere raccolti per il raggiungimento di obiettivi comuni". Come funziona la piattaforma Civica La piattaforma Civica, sviluppata dalla web agency I-factory, è studiata per favorire sia la partecipazione di privati cittadini che di organizzazioni. Grazie al form presente sul portale è possibile iscriversi, inserire annunci, caricare contenuti e visionare i progetti attivi. È inoltre possibile visionare i risultati dei progetti conclusi attraverso video e recensioni e apprendere strategie concrete di crowdfunding tramite e-lerning.   SCOPRI IL PORTALE PROGETTO CIVICA HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA PER UN PROGETTO DIGITAL? RICHIEDICI UNA CONSULENZA     

Google fa rebrand sui prodotti advertising: AdWords sarà Google Ads

Come annunciato da Sridhar Ramaswamy, vicepresidente senior Ads & Commerce di Google, luglio è il mese in cui inizierà il rebrand delle piattaforme pubblicitarie Google: l’obiettivo finale è quello di semplificare gli strumenti e renderli più semplici sia per gli inserzionisti che per i publisher. Google Adwords, la piattaforma pubblicitaria di Google nata 18 anni fa, aveva un semplice obiettivo: avvicinare le aziende al web. In questi ultimi anni lo strumento è cresciuto e ha portato all’attuale piattaforma che tutti conosciamo. Nel corso degli anni è nata una nuova esigenza: semplificare. “Se prima aiutavano i professionisti del marketing a entrare in contatto con le persone sul motore di ricerca, adesso - spiega Ramaswamy - consentono loro di interagire con gli utenti in ogni fase del percorso d’acquisto mediante l’uso di annunci di testo, video, display e altro ancora”. A partire da luglio 2018 dunque Google Adwords, “la porta d’ingresso per gli inserzionisti per l’acquisto su tutte le piattaforme di Google” diventa semplicemente Google Ads e determinerà l’accesso alla pubblicazione di annunci su rete Search, Display, YouTube, Google Play o Maps rivoluzionando il modo di fare pubblicità su tutta la rete Google. Verranno inoltre introdotte nuove piattaforme come Google Marketing Platform, unione tra DoubleClick e Google Analytics 360 Suite, e Google Ad Manager che unisce DoubleClick for Publishers e DoubleClick Ad Exchange.   10 Luglio 2018 : Partecipa al Live Streaming >  The Google Marketing Live

Corso Google Adwords a cura di I-factory

Si è concluso il 26 maggio il corso Google ADWords organizzato da I-Factory, agenzia web Google Partner Certificata e specializzata in Pubblicità della rete di ricerca, e Cohop, Academy e Spazio di Coworwing con sede ad Alberobello.  Il corso, strutturato in quattro incontri e incentrato sull’utilizzo pratico di Google ADWords e da lezioni teoriche, ha consentito ai partecipanti di sostenere e superare il primo esame ufficiale sui principi base di Google ADWords. Finalità del corso Google Adwords: - imparare a creare campagne pubblicitarie ottimizzate su Google per il tuo business - acquisire le competenze tecniche di base circa l’utilizzo di Google ADWords  - aggiornare la tua professionalità in merito alle campagne marketing elaborate per i tuoi clienti - migliorare la visibilità del tuo sito utilizzando anche ADWords come strumento di marketing PROGRAMMA 1) Introduzione allo strumento Google ADWords: 1.1 Come la pubblicità online e ADWords possono aiutare i clienti a conseguire i loro obiettivi pubblicitari 1.2 Come creare e gestire campagne nella rete di ricerca di Google e nella Rete Display di Google. 1.3 Come misurare il rendimento degli annunci e ottimizzare le campagne 2) Preparazione all’esame Principi Base di ADWords: 2.1 Introduzione ad ADWords 2.2 Gestione dell’account 2.3 Gestione di campagne e gruppi di annunci 2.4 Targeting per parole chiave 2.5 Targeting per lingua e località 3) Preparazione all’esame Principi Base di ADWords: 3.1 Formati dell’annuncio 3.2 Budget e offerte 3.3 Misurazione e ottimizzazione 3.4 Rendimento, redditività e crescita 3.5 Gestione di più account Simulazione prova di esame Principi Base di ADWords 4) Case Study: 4.1 Presentazione del cliente e analisi delle potenzialità 4.2 Esempio di Configurazione della Campagna Google ADWords 4.3 Panoramica del risultato 4.4 Ottimizzazione 4.5 Conclusioni Prova di Esame Finale sui principi base di Google ADWords DOCENZA I-factory.biz è un’agenzia web con esperienza decennale nell’ambito del web development e del digital marketing. Specializzata nello sviluppo di attività quali: Progettazione e Costruzione siti web dinamici, Progettazione e Sviluppo di software gestionali, Progettazione e Sviluppo di Portali e-commerce, Web Design, Attività SEO e SEM, Digital Marketing, Specializzata in campagne Facebook ADV. Dal 2016 I-Factory è Agenzia Google Partner Certificata e specializzata in Pubblicità della rete di ricerca. VUOI RICEVERE INFORMAZIONI SUI CORSI GOOGLE ADWORDS? CONTATTACI

Torna il Netcomm Forum, a Milano il 30 e 31 maggio

Torna il Netcomm Forum, ormai considerato in Italia l’appuntamento numero uno per i professionisti e le aziende impegnate nell’e-commerce. Ad ospitare l’evento, dal 30 al 31 maggio 2018, sarà il MICO - Centro Congressi di Milano nelle due intense giornate dedicate ad analizzare i trend e le novità di settore, con focus su digital transformation e web retail con il contributo di aziende italiane e internazionali. Come ogni anno il Netcomm Forum si contraddistingue per la qualità di sponsor ed espositori – quest’anno oltre 166 - e per l’interessante palinsesto di sessioni di formazione e informazione, tra workshop, approfondimenti, casi di studio e case history aziendali.  “Siamo dentro alla tempesta perfetta dove l’e-commerce ne ha rappresentato la prima fase trasformativa –sottolinea il presidente Netcomm Roberto Liscia, presidente Netcomm – il forum ha l’obiettivo di fornire agli operatori del settore tutti gli strumenti e le informazioni utili affinché possano essere parte attiva di un processo di evoluzione digitale inarrestabile che li porterà a creare nuove prospettive per il loro business”. Per iscrizioni e info sul programma: www.netcommforum.it

GDPR, come adeguare il tuo sito al nuovo regolamento

La GDPR è la nuova direttiva UE sulla protezione dei dati personali. Una regolamentazione che entrerà in vigore il 25 maggio 2018, irrigidendo le regole sulle modalità di raccolta, trattamento e conservazione dei dati personali di qualsiasi cittadino e residente dell’Unione Europea con cui le aziende hanno a che fare. Molti parlando di dati personali pensano alle credenziali personali e all’indirizzo mail, commettendo un errore. Tutto parte dal cookie, un piccolo file di testo che un sito web salva sul dispositivo che stai utilizzando per navigare alla tua prima visita. È come se fosse un badge identificativo esclusivamente tuo, senza il tuo nome, ma in grado di identificarti o meglio di identificare esattamente il tuo browser. Questo cookie, incastrato nella memoria del tuo dispositivo, ha il compito di comunicare al sito quando tornerai di nuovo a visitarlo e di fornire una serie di informazioni sul tuo comportamento all’interno dello stesso. Conoscere i tuoi comportamenti digitali vuol dire poterli condizionare, da qui la necessità di dar vita a nuove e più severe leggi. Con il nuovo GDPR vengono dunque introdotte modifiche su tutti i fronti del trattamento dei dati. Variazioni che hanno un grande impatto sulle attività di digital marketing, dalla raccolta del consenso degli utenti, alle modalità di trattamento, fino all’informativa privacy del sito web. I soldati che combattono ogni giorno nel campo del Digital Marketing dovranno cambiare rapidamente il modo in cui cercano, ottengono e registrano il consenso degli utenti. Analizziamo in quale modalità. Con il nuovo regolamento potrai inviare email solo alle persone che hanno espresso il loro consenso a ricevere i tuoi messaggi. Questo aspetto è già previsto dagli attuali regolamenti privacy della maggior parte dei Paesi dell’Unione, ma con il GDPR diventa fondamentale la natura del consenso, che deve essere raccolto per singola finalità. Ciò significa, per esempio, che se una utente ha rilasciato i suoi dati per ottenere l’ingresso omaggio ad un evento, senza dichiarare esplicitamente il consenso a ricevere comunicazioni commerciali, non sarà lecito inviare newsletter a questo scopo. La raccolta del consenso tramite sito web deve inoltre essere spuntata direttamente dall’utente. Quest’ultimo deve conoscere il nome dell'organizzazione che andrà a gestire i propri dati, assieme ai nomi di eventuali soggetti terzi con cui le informazioni potranno essere condivise. Infine, gli iscritti alla newsletter dovranno avere la possibilità di cancellarsi facilmente dalla mailing list, per intenderci, con la stessa agilità con cui si sono iscritti. Le regole del GDPR cambieranno profondamente il panorama del marketing digitale, ma questo non vuol dire che non sarà più possibile fare email marketing. Anzi, a voler guardare il bicchiere mezzo pieno le aziende avranno l’occasione di creare un rapporto più fidelizzato con iscritti, clienti e prospect, che sceglieranno in modo sempre più attivo e selettivo i destinatari dei propri dati personali. Per semplificare le operazioni di web restyling abbiamo stilato una checklist. Il 25 maggio si avvicina e nessun Digital marketing manager che si rispetti può farsi sorprendere impreparato.   Fai un controllo tra i contatti del tuo attuale database: Sai dove sono collocati geograficamente i dati dei tuoi contatti? Il GDPR si applica infatti ai dati personali di cittadini residenti in UE e ai dati trattati da aziende con sede in UE. Hai registrato traccia di come e quando hai raccolto il consenso? Conosci i tuoi contatti e il modo in cui li hai acquisiti:  Hai seguito la pratica del doppio opt-in, il processo a due step che consente agli utenti di iscriversi alla mailing list? Tieni traccia di come e da dove provengono i dati personali dei tuoi contatti? Come sono finiti nel tuo database? Hai informazioni sufficienti sul consenso e la sua origine per poterlo dimostrare in caso di dispute?   Revisiona e diffonda le tua policy di gestione dei contatti: Hai una privacy policy che spiega in dettaglio come raccogli, conservi, trasferisci ed elabori i dati personali?  La privacy policy usa un linguaggio chiaro e semplice? Hai informato i tuoi utenti di questa privacy policy?   Monitora le tue future attività, per garantire la loro conformità già da ora: Prendere in considerazione già da ora la conformità delle tue attività  al GDPR ti permetterà di non  tornare indietro per adeguare i processi di raccolta, o peggio ancora,  ti cautelerà dal non poter utilizzare i contatti generati.

I-factory realizza il nuovo shop online The-Concept.it

The-Concept.it è il nuovo e-commerce realizzato da i-factory: lo shop online, ultima creazione della web agency, è specializzato nella rivendita di articoli Audio/Video, Materiale Elettrico, Domotica, Sistemi antintrusione, Videosorveglianza e Illuminazione. Un negozio a portata di click che vanta un ricco catalogo di oltre 150 mila prodotti firmati dai migliori marchi del settore: Biticino, Crow, Davide Grappi, Eglo, Faretti in gesso, Flos, Foscarini, Gewiss, Hightech, Infinite Play, Lombardo, Marset, O.Erre, Tecno Switch, Vibia, Vimar Group e Vivaldi United Group. The-Concept è un e-commerce competitivo e affidabile che propone offerte, anteprime e novità non solo ai privati, ma anche a professionisti e realtà aziendali più ampie. L'azienda committente ha scelto l’agenzia I-factory per la realizzaizone dello shop online: il nuovo store è stato realizzato mediante l'utilizzo del linguaggio html5 associato con i fogli di stile in css3.  The-Concept.it è l’e-commerce ideale perché mira ad un unico obiettivo, portare un beneficio reale nella quotidianità dei propri clienti.    VISITA IL SITO THE-CONCEPT.IT RICHIEDICI UN PREVENTIVO       

E-commerce, il futuro della Gdo è digital

Il futuro della grande distribuzione organizzata è sempre più legato all’automazione e alla digitalizzazione dei processi di vendita. Per acquisire nuove quote di mercato e crescere senza farsi schiacciare dai molteplici competitor, l’ammodernamento della rete vendita e la multicanalità sembrano le uniche strategie possibili. L’ecommerce è dunque la sfida da vincere nei prossimi anni. Ne è certo Giampietro Corbari, amministratore delegato di Pam Panorama che sta lavorando al lancio di un nuovo servizio di vendita online attraverso una piattaforma bifunzionale: sistema ‘click and collect’ per ritirare la merce in negozio ed e-commerce vero e proprio. “Tutti i principali attori della Gdo si stanno cimentando con questo strumento - ha affermato l’amministratore delegato – noi entro tre anni rinnoveremo tutta la rete”. La società ha infatti in cantiere oltre 100 milioni di investimenti da impiegare tanto nella ristrutturazione della rete, quanto nella creazione di 10 nuovi punti vendita. Per Corbari la trasformazione digitale, la sua integrazione nella strategia aziendale e la necessità di investire in piattaforme e competenze digital sono tre corde strette in un solo nodo. Negozio fisico e piattaforma web possono e devono coesistere. Questa linea di principio è stata abbracciata anche dai supermercati Primo Prezzo del gruppo Carrelli Distribuzione, punto di riferimento in Puglia per una spesa genuina e conveniente. Dal 2016, infatti, I-factory ha lanciato a Bari Primo Prezzo Express: un progetto di Ge Commerce che si adatta ai frenetici ritmi di vita moderni, una piattaforma web che permette di effettuare la spesa online e riceverla gratuitamente a casa. Il supermercato virtuale che i baresi aspettavano, veloce, smart e con un occhio di riguardo per il prodotto locale. La stessa logica di territorialità e vicinanza al consumatore, “l’e-commerce di prossimità” come lo definisce Marco Bordoli, amministratore delegato del gruppo Crai, è stata seguita dall’azienda con oltre 3.400 punti vendita che nel 2018 ha fatto il suo debutto nel mondo digitale. L’innovazione è senza dubbio il driver dello sviluppo secondo l’ad Crai. Non a caso, creando nuovi format e ristrutturando i negozi più vecchi con soluzione a risparmio energetico, casse veloci e spazi per il fresco take-away, l’azienda ha registrato un incisivo impennamento delle entrate. Ora tutte le risorse sono investite nella rete, l’e-commerce non è un nemico ma un modo innovativo di fare consegne a domicilio, uno strumento utile ad aumentare il bacino di utenze che si affianca al negozio fisico. Importanti investimenti anche per il gruppo MD, che da un lato ha preventivato l’apertura di 45 negozi l’anno entro il 2021, dall’altro si interesserà al potenziamento della rete. Un investimento complessivo di oltre un miliardo, come ha affermato il fondatore e presidente Patrizio Podini. L’importanza di questo trend si riflette, naturalmente, sul mercato del lavoro che da qui ai prossimi anni è destinato ad assorbire un numero sempre crescente di figure specializzate non solo nella progettazione del commercio on-line, ma anche nell’analisi dei dati e nella user experience. La tecnologia dunque non distrugge il lavoro. Lo riqualifica, lo trasforma.

Customer Care: l'importanza di essere Social

I social network sono moderni show-room, i principali “luoghi” di relazione e scambio tra clienti, prospect, fornitori e partner. In questo scenario, la gestione di pagine e profili social deve diventare una priorità a cui dedicare  tempo ed energie. La giusta strategia di customer service è il nuovo elisir di lunga vita, una ricetta speciale che vi sveleremo passo passo, un ingrediente per volta. Il risultato decreterà una salda fidelizzazione con la vostra community di follower, vi permetterà di acquisire maggiore visibilità grazie ai brand ambassador e incentiverà gli acquisti online, senza dimenticare la vendita in negozio grazie al servizio Drive to Store. La riuscita di un buon piatto dipende dalla qualità della materia prima. La creatività potrà aggiungere un tocco in più, ma è fondamentale poter contare su prodotti di qualità. Il Social Customer Service funziona analogamente quindi è necessario fissare alcuni punti e definire i 5 ingredienti principali: - canali prescelti - casistica di richieste e commenti - policy interna - relazioni con i clienti - gestione delle recensioni Scegliere i Canali Giusti  Facebook, Twitter, Instagram sono vostri alleati, gli strumenti che vi permetteranno di bussare a casa dei futuri clienti. Un servizio porta a porta virtuale in grado di rendere i vostri prodotti appetibili ad un’utenza sempre più social che spende la maggior parte del tempo connessa, generazione Y o meno. Facebook e Twitter rappresentano le piattaforme più influente del settore, delle armi da conoscere e usare a proprio vantaggio. Casistica delle tipologie di richiesta e dei commenti lasciati dagli utenti Il secondo ingrediente prevede un elenco delle principali casistiche per cui potreste dover comunicare con i clienti. Chiaramente non tutte le interazioni sono riconducibili ad un preciso format con risposta ricorrente ma un chiaro sistema d’approccio sui vari canali semplificherà il servizio. I chatbot giocano in questo campo un ruolo di primo piano perché definiscono sistemi di risposta automatica e allo stesso tempo permettono conversazioni in modalità one-to-one. Vediamo un esempio di selezione: Ringraziare gli utenti che hanno espresso commenti positivi e condividerli per gratificarli Commentare i post per creare una relazione e rispondere ad eventuali richieste Gestire le attività fuori luogo/spam (tramite commento o nascondendo il commento stesso) Predisporre una Social Media Policy Uno shop virtuale non è esente dalle regole che vigono in una qualsiasi struttura fisica. Chiarezza, coerenza e completezza sono i tre pilastri fondamentali della Social Media Policy che deve presentare determinati temi: scopo e destinatari del documento, modalità di utilizzo dei canali, regole di comportamento e relative sanzioni. La policy può essere inoltre sviluppata in due versioni, una pubblica per gli utenti ed una interna che regola l’utilizzo dei social network da parte dei dipendenti. Le policy dei grandi brand rappresentano un’ottima linea guida perché offrono un esempio di approccio umano ed amichevole. Facebook permette di renderla visibile ai follower inserendola direttamente tramite un Tab o dedicando un’apposita sezione all’interno delle impostazioni d’azienda. Curare le relazioni. I 5 obiettivi dell’assistenza clienti via social Parlando di relazioni si entra in un ambito più complesso che abbiamo semplificato in 5 best practice, suggerimenti e trucchetti che vi permetteranno di gestire le relazioni con i clienti al meglio e ottimizzare i tempi. Gestione del primo contatto con tempistiche chiare. Chiarire le tempistiche di risposta è il prossimo passo da compiere. Facebook offre in quest’ottica un prezioso aiuto perché offre la possibilità di impostare un messaggio automatico. L’utente inviando una richiesta in posta privata, riceverà un feedback immediato che lo inviterà ad attendere un’adeguata e specifica assistenza. Prontezza Gli utenti si aspettano risposte rapide e preferiscono aziende attive. Queste modalità di gestione possono influenzare non poco l’acquisto perché l’utente che non ha ricevuto risposta in tempo brevi è portato a cambiare e-shop. Non a caso Facebook premia le pagine più reattive e massimizza le visualizzazioni. Tone of voice coerente Come il cliente tradizionale è più propenso all’acquisto quando è seguito da un commesso che conosce, così l’acquirente online è a suo agio quando si interfaccia con un utente di cui riconosce il tone of voice, lo stile. Gratificazione per l’utente L’acquisto è la concretizzazione del desiderio o di una necessità del cliente. È dunque necessario mettere in campo la propria professionalità nelle relazioni umane. Gratificare l’utente con un like, un commento, una reazione e repostando immagini che catturano in uno scatto i vostri prodotti vuol dire raccontare un’esperienza positiva, fidelizzare il cliente e al contempo farsi pubblicità. Trasparenza e messa a nudo delle criticità Nei social la sincerità e la chiarezza sono sempre ripagate. Nessun brand è perfetto, piccolo o grande che sia, dunque gestite con trasparenza le situazioni critiche instaurando un rapporto diretto con il cliente grazie alla modalità di comunicazione one-to-one. Non è dunque necessario nascondere o cancellare post, salvo in caso estremi come tentativi di spam e contenuti volgari. Attenta gestione delle recensioni Le recensioni degli utenti sono diventate un fattore determinante per la reputazione di un brand ma anche un importante indice per social come Facebook che le utilizzano nella classificazioni delle pagine aziendali. Migliori recensioni, maggiore visibilità. Favorire la pubblicazione di feedback positivi, con meccanismo di gratificazione degli utenti e riparare ai commenti negativi comprendendone le ragioni vorrà dire mettere in vetrina i vostri punti di forza.

I-Factory a Adworld Experience 2018, l'evento internazionale sul Pay Per Clic e Conversion Rate Optimization

Casi di successo e seminari su AdWords, Facebook, Linkedin Ads, Pay Per Clic e Conversion Rate Optimization: tutto questo è ADworld Experience, l'evento annuale pensato per i professionisti del mondo digital che vogliono migliorare ottimizzare le campagne PPC e per le agenzie SEM che vogliono migliorare le proprie competenze. I-factory, web agency barese, ha partecipato in qualità di uditore all’evento in programma a Bologna il 12 e 13 Aprile 2018: la prima giornata dedicata ai seminari avanzati in materia di AdWords, Facebook Ads, PPC tool e CRO mentre la seconda ha visto protagonisti i casi reali di campagne PPC & CRO. Oltre 30 sono stati gli speaker, provenienti da tutto il mondo, che si sono alternati sui palchi dell’evento: Alcuni nomi: Frederick Vallaeys (script & automazione), Michele Mereu (struttura delle campagne adwords), Andrew Lolk (Google Shopping), Liam Wade (Advanced Ecommerce PPC: Integrations with Data for Growth), Luca La Mesa (earned, owned & paid media), Veronica Gentili (best practice per FB Ads), Dennis Yu (laboratorio applicato di FB Ads), Anu AdegBola (Excel Formulas & Tips to Supercharge Your Reporting ), Francesco Chiappini (Marketing automation per e-commerce), AJ Wilcox (LinkedIn Ads Advanced).   Scopri di più su I-Factory 

E-commerce, 5 strategie per potenziare il tuo business online nel 2018

Nel campo dell’e-commerce sono due i goal che dovranno essere segnati durante il 2018: semplificare i processi e stimolare l’acquisto d’impulso. Ne ha parlato con chiarezza Andrea Serventi, content editor di Mail Up, che ha delineato i cinque percorsi da seguire per potenziare le possibilità d’azione dello shopping online. I dati non lasciano dubbi. L’ultima istantanea dell’e-commerce business to consumer è stata scattata alla fine del 2017 quando al Digital Summit Donato Iacovone, l’ad per l’Italia di EY, ha stimato una crescita del settore intorno al 20% . Un valore che approssimativamente corrisponde a 23,4 miliardi di euro. Vediamo i cinque trend nel dettaglio:   I Chatbot, per una customer experience live e istantanea Protezione, sicurezza e affiancamento, sono queste le chiavi d’accesso all’area di fiducia del consumatore. Nel percorso di fidelizzazione, i chatbot sono una risorsa fondamentale in grado di creare un legame immediato tra utente ed e-commerce. Uno studio di eMarketer sostiene questa prospettiva. Il 54% degli utenti preferisce interfacciarmi con le aziende utilizzando le app di messaggistica. Queste ultime rappresentano per l’utente un canale di comunicazione familiare che può accogliere le richieste in tempo reale e fornire soluzioni pertinenti. Si strutturano così i parametri di un’esperienza d’acquisto semplice e ripetibile.   Assistenza vocale, il conversational commerce è il futuro La rivoluzione nel campo del web browsing è dettata dal voice assistance. Google ha rivelato che il 20% delle ricerche avviate da mobile sono attivate con comando vocale. Un dato di non poco rilievo se incrociato con i risultati ottenuti da una ricerca del Digital Transformation Institute di Capgemini secondo cui nei prossimi tre anni, gli assistenti vocali diventeranno la modalità predominante di interazione.   Realtà aumentata: l’anello di congiunzione tra fisico e online La sperimentazione delle App di realtà compie passi da giganti. Poter posizionare virtualmente mobili ed oggetti d’arredo nelle proprie abitazioni o, addentrandoci nel mondo beauty, poter disporre di una propria controfigura digitale, su cui testare rossetti e ombretti differenti, è ciò che ogni cliente desidera da sempre. Un universo in cui l’immaginazione, spesso cattiva consigliera, è spazzata via dalla visione tangibile del possibile. Sono molti i brand che hanno fatto proprio questo servizio, da Ikea e Houzz AR al noto marchio di make-up Sephora. Il 40% dei clienti sembra disposto a spendere di più, se può provare e testare il prodotto prima dell’acquisto. Allo stesso modo il 61% predilige le aziende che offrono questo servizio e ben il 71% resta fedele a quei marchi. Un cliente soddisfatto è per sempre.   Priorità al mobile, tra app e user experience Si fanno sempre più acquisti su mobile. I dati USA hanno infatti registrato nel 2017 una crescita del 21% rispetto al 2010. Tuttavia al momento dell’acquisto, noto come buying, molti utenti preferiscono ancora il desktop. In altre parole, nell’81% dei casi si salta da un device all’altro. Bisogna quindi capire quale sia la strada da intraprendere per ottimizzare il traffico mobile e aumentare le conversioni. Molti e-commerce credono che la risposta sia nell’evoluzione del responsive in ambito di browser mobile, tramonta dunque l’idea dell’app nativa.     Pagamenti: l’importanza del one click Acquistare in modo rapido, veloce e sicuro, è questa la sfida per tanti ambiziosi e-commerce, l’onda perfetta da inseguire e cavalcare. Un solo click, un solo gesto immediato ed impulsivo ridurrebbe infatti al minimo il margine di confronto e ripensamento. Eliminare gli ostacoli tra il prodotto e il potenziale cliente significa far schizzare al massimo le conversioni.

I-Factory firma il nuovo sito The-Complainers.com

I-factory, web agency di Bari specializzata nel web design, sviluppo software e web development, firma il nuovo sito web aziendale www.the-Complainers.com, commissionato dall'omonima agenzia di digital marketing e production agency milanese. Con focus sul mondo della moda, la crew TheComplainers cura ogni aspetto della comunicazione del brand: dall’art direction alle public relation, dalla comunicazione online alla digital strategy avvalendosi della collaborazione di influencers, stylist e fotografi di fama internazionale. TheComplainers ha scelto l’agenzia I-factory per lo sviluppo del nuovo sito web aziendale: il sito è stato sviluppato da I-factory mediante l'utilizzo del linguaggio html5 associato con i fogli di stile in css3. Il sito è stato reso dinamico mediante l'utilizzo del linguaggio php. VISITA IL SITO THE COMPLAINERS SCOPRI DI PIÚ SU I-FACTORY

Voucher per la digitalizzazione: fino a 10mila euro a fondo perduto per realizzare il tuo e-commerce

A partire dal 30 Gennaio 2018 sarà possibile richiedere il voucher digitalizzazione per le micro, piccole e medio imprese: il decreto direttoriale sul Voucher MiSE 2018 permetterà infatti alle imprese di recuperare a fondo perduto fino a 10.000 euro investiti per l’acquisto di hardware e software e avviare processi di digitalizzazione, tra cui lo sviluppo di un portale e-commerce.   Cosa è il  voucher digitalizzazione? Il Voucher digitalizzazione è contributo a fondo perduto che consente alle aziende di investire in attività di digitalizzazione e processi aziendali e rinnovamento tecnologico. Il contributo messo a disposizione dal MiSe copre fino al 50% delle spese (fino a 10.000 €) che sono ritenute ammissibili ed è finalizzato all'adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico. La disciplina attuativa della misura è stata adottata con il decreto interministeriale 23 settembre 2014. La dotazione complessiva di quest’agevolazione è pari a 100 milioni di euro, con un plafond suddiviso su base regionale.   Cosa può finanziare il voucher? Il voucher può essere utilizzato per l'acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di: • migliorare l'efficienza aziendale; • modernizzare l'organizzazione del lavoro, mediante l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro; • sviluppare soluzioni di e-commerce; • fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare; • realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.   Gli acquisti devono essere effettuati successivamente alla prenotazione del Voucher.   Grazie al voucher digitalizzazione potrai realizzare il tuo e-commerce con un contributo a fondo perduto fino a 10.000 €. Richiedi ora una consulenza gratuita per lo sviluppo del tuo e-shop e per la digitalizzazione dei processi aziendali della tua PMI   Quando è possibile presentare la domanda per usufruire del voucher?    partire dal 15 gennaio 2018 sarà possibile accedere alla procedura informatica sul portale del Ministero dello Sviluppo Economico e compilare la domanda.    Per l'accesso è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi e di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.   Le domande potranno essere presentate dalle imprese, esclusivamente tramite la procedura informatica che sarà resa disponibile in questa sezione, a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018.    Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Ministero adotterà un provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher, su base regionale, contenente l'indicazione delle imprese e dell'importo dell'agevolazione prenotata.   Ai fini dell'assegnazione definitiva e dell'erogazione del Voucher, l'impresa iscritta nel provvedimento cumulativo di prenotazione deve presentare, entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese e sempre tramite l'apposita procedura informatica, la richiesta di erogazione, allegando, tra l'altro, i titoli di spesa.   Dopo aver effettuato le verifiche istruttorie previste, il Ministero determina con proprio provvedimento l'importo del Voucher da erogare in relazione ai titoli di spesa risultati ammissibili.       Per maggiori informazioni consulta NORMATIVA E REGOLAMENTO    Eventuali quesiti possono essere inviati all'indirizzo mail: info.voucherdigitalizzazione@mise.gov.it        I-Factory, web agency a Bari, propone soluzioni per pianificare, avviare e gestire la presenza online di ogni tipologia di business.  Contattaci per una consulenza gratuita: Via Cirillo 73 - Bari 70126   +39 080 9752924 info@i-factory.biz

Spesa Online | Case History Primo-Prezzo.it

Fare la spesa quotidiana e/o settimanale è una necessità che costa tempo, denaro e impegno fisico, rischiando a volte di scoraggiare le fasce più deboli. Da questa considerazione nasce il progetto www.Primo-Prezzo.it, un portale web per l'acquisto online di prodotti alimentari e vario genere, con servizio di consegna gratuita a domicilio nella città di Bari e dintorni. La storia I supermercati Primo Prezzo, del gruppo Carelli Distribuzione, sono oggi in Puglia un punto di riferimento per la spesa quotidiana di qualità e conveniente. Grazie alla rete di quasi 40 punti vendita, in continua espansione, i supermercati Primo Prezzo rappresentano la garanzia della spesa buona e genuina sotto casa. Particolarmente attenti al risparmio, la catena di supermercati cerca di offrire agli acquirenti prodotti e servizi di qualità rendendo leggero lo scontrino. Il sito, online dal 2016, nasce dall’incontro tra il gruppo Carelli, proprietario della catena di supermercati, e la Web Agency barese I-factory,  specializzata in web marketing e sviluppo di siti e-commerce. Il progetto pilota, Frhome, era stato sviluppato proprio da I-factory nel 2013, ricordato come il primo servizio di consegna della spesa online attivo in Puglia. Primo Prezzo ha raccolto la sfida lanciata da Frhome, supportando e ottimizzando il servizio di consegna della spesa a domicilio grazie alla rete di punti vendita presenti sul territorio barese. Il Progetto Negli anni Primo Prezzo si è adattato ai cambiamenti e ai nuovi ritmi di vita dei suoi clienti dando vita a www.primo-prezzo.it, la piattaforma web sviluppata da I-Factory, configurata come un vero e proprio portale di e-commerce, che consente agli utenti di effettuare la spesa on-line e riceverla comodamente e gratuitamente a casa o ritirarla personalmente presso un punto vendita ad un orario prescelto. Il portale Primo-Prezzo.it ha anche la grande potenzialità di offrire la consegna in giornata, con un’attesa minima di sole 3 ore dal momento della conferma dell’ordine. Come funziona il portale Primo-Prezzo.it L'utente accede al web, dopo l'avvenuta registrazione, sceglie tra i tanti prodotti quelli da inserire in un carrello virtuale (spesa minima richiesta per il servizio € 10,00) e in orari e giorni compatibili con la propria organizzazione famigliare, li riceve comodamente a casa, dal lunedì al sabato dalle 9:30 alle 19:30. Il pagamento della spesa avviene solo alla consegna con carta di credito, bancomat o contanti. Il servizio di consegna della spesa online è attualmente attivo nella maggior parte dei quartieri del capoluogo pugliese. Grande attenzione viene data al servizio clienti, attivo 6 giorni su 7, attraverso un numero telefonico, una live chat di supporto sul sito web, un indirizzo e-mail e un servizio di social customer care. La strategia di comunicazione on e offline di Primo-Prezzo.it Il progetto Primo-Prezzo.it è stato accolto calorosamente sia dal pubblico fidelizzato della catena di supermercati sia da una nuova clientela, interessata alla novità del servizio e alla possibilità di effettuare la spesa online ricevendola comodamente presso il proprio domicilio. Il lancio del sito Primo-Prezzo.it è avvenuto attraverso una stretegia multicanale, sia attraverso punti informativi nei punti vendita fisici e cartellonistica che con attività di digital marketing (Content marketing, l’E-mail marketing, presenza sui Social, Facebook Adv e Google Display) con target geografico nella città di Bari. In generale la strategia adottata è stata quella di comunicare con i clienti in modo diversificato, cercando di raggiungere i diversi target in base alle abitudini. Il successo di Primo-Prezzo.it Il successo di Primo-Prezzo.it è facilmente misurabile con i numeri. Tra il primo trimestre dal lancio del sito (aprile, maggio e giugno 2016) e lo stesso trimestre del 2017 è possibile constatare una crescita del: + 83% di ordini evasi + 87% di fatturato +50% di iscritti al portale Il progetto Primo-Prezzo.it continua la sua espansione: in cantiere c’è l’ampliamento del servizio in nuovi quartieri della città di Bari e in territori limitrofi, l’aumento dell’investimento pubblicitario on e offline e l’incremento dell’organico addetto alla consegna. Visita il sito www.primo-prezzo.it 

I-Factory al Global Summit E-Commerce e Digital

Digital transformation, adv online, tecnologie IT, omnicanalità e conversion marketing: sono questi i temi caldi della terza edizione del GLOBAL SUMMIT E-COMMERCE & DIGITAL, a Bologna il 21 e 22 giugno 2017. I-factory sarà presente all'avento con la partenship di Primo-Prezzo.it, il portale di spesa online attivo a Bari dal 2016, di proprietà della Carelli srl e sviluppato dalla nostra web agency. Il Global Summit, evento business dedicato ai servizi e alle soluzioni digitali per l’e-commerce, giunto alla terza edizione, rappresenta l'occasione per individuare nuovi insight degli utenti e conoscere gli approcci più efficaci per incrementare la crescita del settore digital, le tendenze del social media marketing, del copywriting e dell’adv online, le nuove tecnologie IT e le strategie per essere più competitivi e performanti nelle azioni di vendita sul web 3.0.

E-Commerce: crescita a doppia cifra anche nel 2016

Nel 2016 la crescita dell’e-commerce è a doppia cifra, come lo scorso anno con un  fatturato complessivo delle vendite online è stimato in 31,7 miliardi di Euro, con un incremento del 10% sul 2015.  Oggi l’e-commerce italiano sta entrando in una fase di maturazione e consolidamento: i settori del tempo libero e del turismo continuano a rappresentare la quota più consistente del mercato, arrivando congiuntamente a generare il 74% del fatturato e-commerce. I settori che sono cresciuti maggiormente?  Salute e bellezza (+36%) e alimentare (+33%). Continua la crescita dei centri commerciali online, dove si conferma il predominio dei grandi player internazionali. 

Biancheria, Tessuti e Tovagliati con un click: nasce SpizzicoHome.it

Spizzico Home è un'azienda specializzata nella vendita di biancheria, tessuti, tendaggi e spugne per casa, hotel, sale ricevimento, ristoranti e comunità. Oggi l'azienda offre anche il servizio di vendita online con spedizione in tutta Italia ed Europa.  Il sito ecommerce è stato interamente progettato e realizzato dalla nostra web agency I-factory.biz. Visita ora il sito Spizzico Home 

I-Factory è un’Agenzia Certificata Google Partner

Dal 2016 I-Factory è un’agenzia certificata Google Partner. La certificazione rilasciata alla nostra agenzia da Google attesta le competenze del team nell’ambito delle campagne Adwords e, in particolare, delle campagne Search. Essere un’agenzia Google Partner vuol dire non solo poter apporre il badge Google sulla nostra pagina web ma soprattutto aver conquistato la fiducia di Google per quanto riguarda la nostra preparazione e l’esperienza pregressa, maturata nell’ambito delle campagne di digital makerting attraverso lo strumento Google Adwords. Cosa vuol dire essere un’agenzia Google Partner?  Per ottenere il riconoscimento Google Partner occorre rispettare quattro requisiti fondamentali: 1.     Essere iscritti al programma e possedere un centro clienti attivo 2.     Aver gestito per i propri clienti campagne Google Adwords con continuità e aver raggiunto specifiche soglie di spesa nella gestione di esse dimostrando un alto livello di attività 3.     Aver gestito le campagne Adwords con un buon rendimento, ovvero valorizzando il budget dei propri clienti, rispettando le best practices e ottenendo risultati concreti in termini di business 4.     Aver superato almeno 2 degli esami di Certificazione Google Adwords. I-Factory ha ottenuto la certificazione per aver superato gli esami di "Pubblicità associata alla ricerca" e  "Pubblicità della rete di ricerca". Queste certificazioni dimostrano competenze relative alla pubblicità nella rete di ricerca, comprese le best practice per la creazione, la gestione e l'ottimizzazione delle campagne di ricerca AdWords per quanto riguarda la Pubblicità su Google, la redazione di un Piano di marketing online e l'Assistenza AdWords avanzata. Scegliere un’agenzia certificata Google Partner vuol dire quindi affidarsi a professionisti del web marketing, riconosciuti da Google per competenza, esperienza e professionalità. Affidarsi a un’agenzia partner vuol dire scegliere chi pone al centro della propria attività il cliente e le sue esigenze senza perdere mai di vista gli obiettivi di marketing.   Visita la nostra pagina ufficiale Google Partner > I-Factory è un’agenzia Certificata Google Partner a Bari. Contattaci per richiedere una consulenza >

Olio d'oliva extravergine pugliese, un successo sul web: il caso Pietregiovani

Conosciuto e apprezzato ben oltre i confini regionali per le sue proprietà  organolettiche, l'olio extravergine d'oliva è senza dubbio una delle produzioni tipiche della Puglia che meglio rappresenta il carattere deciso della nostra regione. Compendio di qualità, tradizione, cultura, ma anche di processi produttivi e colturali che si rinnovano, l'olio pugliese rappresenta un'eccellenza del nostro territorio che riscuote particolare successo anche nelle vendite online: a dimostrarlo, i dati relativi agli acquisti sull'e-commerce di Pietregiovani, azienda agricola pugliese che si occupa di produzione e commercializzazione online di prodotti pugliesi. Pasta, legumi, vino e … olio extravergine d'oliva, naturalmente. Proprio dalla giovane azienda barese arriva la conferma che il prodotto di cui si terminano prima le scorte è l'olio. Che sia in lattina da 3 litri o in bottiglia, gli ordini arrivano da ogni parte d'Italia (in particolare da Lombardia, Lazio e Campania) e anche dall'estero Questo conferma come l'e-commerce, se realizzato e gestito bene, possa essere un valido strumento di business e di promozione delle eccellenze agroalimentari del proprio territorio. Un e-commerce efficiente e una particolare attenzione al Customer Care significano anche un elevato grado di soddisfazione dei clienti, così come confermato direttamente dai responsabili dell'azienda, che sulla vendita online dei prodotti agroalimentari affermano: "è un fenomeno sicuramente con un trend in crescita che permette ai produttori di interfacciarsi direttamente con il consumatore finale saltando diversi passaggi intermedi; allo stesso tempo, il benchmark di riferimento  sull\'e-commerce è rappresentato da Amazon che, con i suoi servizi, costringe continuamente a migliorare le proprie prestazioni sulla logistica e sulle spedizioni".

Cantine in Puglia: contributi per le attività di e-commerce

Col BURP n. 5 del 21 gennaio 2016, la Regione Puglia ha emesso l'Avviso pubblico relativo agli aiuti economici per la campagna 2015/2016 a Misura Investimenti destinati alle aziende vitivinicole con sede operativa in Puglia intenzionate ad avviare un e-commerce. La misura è diretta a favorire nuovi investimenti per la diversificazione degli strumenti di business delle aziende del settore enologico, che potranno infattiusufruire degli aiuti per le seguenti attività:  - Realizzazione di punti vendita e sale degustazione extra aziendali dei vini regionali sul territorio regionale e nazionale; - Realizzazioone di portali e-commerce In particolare, per quanto riguarda gli investimenti per l'attività  di e-commerce, è prevista l'erogazione di contributi per la realizzazione di piattaforme finalizzate al commercio elettronico pari al 50% della spesa ammissibile per micro, piccole e medie imprese e del 25% per le altre (massimo della spesa ammissibile 30.000,00 euro). La scadenza per la presentazione delle domande è il  29 febbraio 2016.

Imprese online: I Talamona e le strategie di brand awareness

Nella miriade di informazioni e contenuti presenti sulla rete, il sito internet aziendale rappresenta ancora lo strumento principale per farsi trovare sul web e far riconoscere il proprio brand. Un sito internet aggiornato permette di fidelizzare i clienti, valorizzare le qualità aziendali e aumentare le possibilità  di acquisire nuovi contatti. Per alcune imprese, in particolare, la riconoscibilità  del brand ha un asset fondamentale: genera e mantiene fiducia e permette di valorizzare le qualità  e i valori tipici dell'impresa.  Un esempio di consolidamento della brand awarness nel territorio pugliese - in un settore particolare come quello dell'illuminotecnica - è il lavoro svolto da I-factory per l'agenzia I Talamona di Bari. L'agenzia I Talamona, le cui origini risalgono al 1933, opera nell'intermediazione professionale nel settore dell'illuminazione architetturale e rappresenta in Puglia e in Basilicata - un punto di riferimento per professionisti e studi di progettazione. Uno dei valori che ha reso I Talamona un brand riconoscibile e affermato è stata la capacità  di unire alle attività  di intermediazione un efficace servizio di informazione della qualità  e delle tecnologie dei brand che rappresenta. Non solo: all'occorrenza l'agenzia fornisce servizi di progettazione illuminotecnica attraverso l'utilizzo dei migliori software di modellazione 3D. Nonostante l'affermata presenza sul territorio, si è resa necessaria un'azione più incisiva, che migliorasse l'efficienza e la qualità  delle informazioni offerte. Il primo step è stata la decisione di realizzare un nuovo sito internet aziendale, che fosse rappresentativo della qualità  dei servizi dell'agenzia e contenesse le informazioni aziendali utili al loro target.  Il sito aggiornato periodicamente con la pubblicazione di e integrato con la predisposizione di un di newsletter. L'implementazione dei servizi di comunicazione e informazione ha permesso all'agenzia di aumentare la propria brand awareness, fidelizzare i clienti e generare nuovi contatti, documentati dall'arrivo di richieste di informazioni pervenute successivamente all'invio delle newsletter. L'integrazione tra la qualità dei servizi dell'agenzia Talamona e le azioni migliorative in termini di comunicazione aziendale realizzate con i-factory dimostra l'efficacia delle strategie intraprese per affermare la propria presenza sul web e aumentare la propria riconoscibilità. Lo stesso Alessio Talamona socio dell'agenzia dichiara in riferimento ai brand che rappresenta: "Le aziende iniziano a considerare indispensabile per la comunicazione l'utilizzo di tutti i canali comunicativi, compresi i social network, indispensabili a divulgare i frutti di investimenti e di collaborazioni di famosi designer; tuttavia, è importante garantire la qualità  totale perchè Penso che un boomerang di questa massiccia comunicazione sarebbe difficile da gestire per aziende che non perseguono la qualità totale e non si affacciano a un mercato di nicchia, in quanto comunicare al web informazioni non veritiere significherebbe abbassare ulteriormente la percezione del marchio sul mercato".

Promuovere l'e-commerce? Content is king!

È molto più di un semplice negozio online: è un sistema in cui contenuti e servizi devono essere perfettamente funzionali a garantire all'acquirente la miglior customer experience possibile. L'utente deve essere convinto che, per quel prodotto e in quel momento, l'acquisto online sia preferibile all'acquisto nei negozi fisici e che, quindi, sia vantaggioso in termini di costo/qualità . Sempre più spesso, inoltre, i clienti seguono un percorso decisionale d'acquisto che prevede l'integrazione tra onlinee offline: valutano un prodotto o un servizio sul sito e-commerce e perfezionano l'acquisto nel punto vendita fisico o viceversa. È evidente quindi che in un negozio online non solo devono funzionare in modo impeccabile il sistema di pagamento, il customer care ma i contenuti devono essere curati nel dettaglio e fornire al potenziale cliente tutte le informazioni di cui ha bisogno per finalizzare l'acquisto, tenendo in considerazione che l'utente non può toccare e vedere da vicino il prodotto. Vediamo, in particolare, cosa influisce positivamente nel processo decisionale dei compratori online: - scheda prodotto - immagini - video e lingue La scheda prodotto è insieme la vetrina e l'assistente alla vendita dell'e-shop deve possedere contenuti di qualità, informazioni (curate e dettagliate) descrittive del bene/servizio, immagini rappresentative (l'unico elemento a disposizione del cliente per valutare l'aspetto e la qualità dei prodotti) e un design quanto più semplice e immediato (con sfondo preferibilmente bianco).  Una buona e ottimizzata scheda prodotto può generare traffico al sito e incidere positivamente nella scelta di acquisto Laddove possibile,  è consigliabile inserire dei video del bene/servizio (es. tutorial) che aiutino ulteriormente l'utente nel processo decisionale. Assicurando una migliore visualizzazione del prodotto e maggiori informazioni, il video garantisce aumento del tempo trascorso sul sito,indicizzazione nei motori di ricerca, tassi di conversione migliorati e tassi di restituzione dei prodotti più bassi. Infine, se tra gli obiettivi c'è l'espansione del business anche all'estero, il sito deve essere multilingua, al fine di garantire che anche i potenziali clienti stranieri dispongano delle informazioni necessarie a concludere l'acquisto. Ad ogni modo, gli elementi di forza che non devono mancare nella pagina prodotto di un buon e-shop sono: il prezzo, che deve essere ben visibile;il pulsante di azione e la call to action quanto più in evidenza; la descrizione dei vantaggi del prodotto.

E-commerce e consumatori: come cambiano le abitudini d'acquisto

Nonostante il ritardo dell'Italia in Europa per valore del mercato e-commerce, i dati che riguardano la crescita del nostro Paese in termini di crescita di acquirenti online sono tutt'altro che trascurabili. Il dinamismo del commercio elettronico anche in Italia è dimostrato dall'aumento degli utenti che acquistano su e-commerce e marketplace e conferma i cambiamenti che stanno interessando le abitudini dei consumatori, sempre più omni-canale. Qualsiasi impresa o attività commerciale impegnata nella valutazione delle migliori strategie per vendere i propri beni e servizi non può non considerare che il processo di acquisto oggi caratterizzato da una sempre maggiore integrazione tra offline e online, e-commerce e punti vendita fisici. Com'è quindi il consumatore contemporaneo e quali sono i fattori di successo per un e-commerce? Per quanto riguarda il consumatore, il cliente adesso è sempre più digitale: si informa sul web, accede a prodotti e servizi di tutto il mondo, condivide le proprie esperienze di acquisto con gli utenti con cui si connette ed è in grado di inviare importanti feedback all'azienda.  Le informazioni presenti sul web influenzano sempre di più le decisioni dei potenziali clienti, risultando spesso propedeutiche agli acquisti offline: di conseguenza, i canali tradizionali si integrano con gli strumenti digitali (es., negozio tradizionale che avvia un e-commerce) e viceversa (negozi on-line con touch-point fisici). Aumentano, quindi, i punti di contatto tra aziende e consumatori, i quali possono recarsi in negozio per vedere o provare un prodotto e poi decidere di acquistarlo online, spostandosi dal canale tradizionale a quello digitale; allo stesso modo, l'utente può decidere di recarsi nel punto vendita a testare e acquistare i prodotti visti su un e-shop Ecco allora che avviare e gestire un negozio online di successo significa considerare una serie di fattori che possono rivelarsi determinanti: prima di tutto, occorre conoscere i propri clienti acquisiti e potenziali e i relativi processi di acquisto; sulla base di questa conoscenza, integrare i canali di vendita tradizionali con strumenti digitali (o viceversa); infine, garantire la migliore customer experience possibile. In particolare, per un e-commerce ottimizzare la customer experience significa assicurare usabilità del sito, servizi di logistica eccellenti, passaggi semplici e intuitivi per finalizzare l’acquisto, sistemi di pagamento comodi e sicuri, servizi di assistenza e Customer Care e valorizzazione dei feedback degli utenti, sia positivi che negativi. A queste condizioni sarà certamente possibile non solo migliorare il proprio business, ma favorire la fidelizzazione dei clienti e una customer experience sempre più soddisfacente.

SEO o SEM ? Quale strategia scegliere tra le due?

Nello scorso articolo abbiamo definito chiaramente queste due strategie volte alla visibilità  sui motori di ricerca. In questo articolo cercheremo invece di analizzare al microscopio i pro e i contro del SEO e del SEM affinchè si possa sempre scegliere l\'opzione migliore tra le due o eventualmente entrambe. Il SEO è una tecnica di ottimizzazione che parte dalle fondamenta del sito web. Per fare SEO bisognerà analizzare aprioristicamente mission e core business aziendale, il target da colpire e le dinamiche a cui il sito sarà  sottoposto, quindi l'architettura dell'informazione e l'usabilità. Occorrerà  oltre che seguire delle rigorose specifiche tecniche, vagliare scrupolosamente tutti i contenuti ( testi, immagini, grafici, video... ) affinchè il sito web risponda in maniera ottimale alle richieste esplicite e implicite dei suoi futuri utenti.  È evidente che un sito web orientato al SEO è un progetto con tempi di realizzazione più lunghi e richiede uno sforzo elevato sia da parte dei realizzatori del prodotto web sia da parte dell'azienda nell'ideare e sviluppare contenuti di qualità . A questo si aggiunge che il processo di posizionamento sui motori di ricerca non è immediato ma è sottoposto a dei tempi tecnici che dipendono esclusivamente dagli spider di Google, Yahoo, Bing... I risultati di questo lungo lavoro aprono per la strada ad un successo duraturo e che garantirà  un altissimo ritorno sull'investimento senza costi di abbonamento. Il SEM è una strada per certi versi molto più semplice poichè non richiede competenze tecniche ma forse solo grandi doti commerciali dato che si tratta di una vera e propria pubblicità  da realizzare su Google e gli altri motori di ricerca.  Ci teniamo a precisare che comunque è opportuno valutare scrupolosamente sia il testo pubblicitario ( magari con la consulenza di un esperto copywriter) che l'eventuale landing page ( cioè la pagina aziendale linkata al messaggio pubblicitario). Infatti l'obiettivo del SEM è in primis quello di calamitare l'attenzione sul proprio messaggio pubblicitario e in secondo luogo è accogliere l'utente sul proprio sito e soddisfare la sua ricerca. Il costo di questa strategia di web marketing sarà proporzionale al grado di concorrenza sulle keywords scelte e ai click realmente conquistati. È evidente quindi che se si vorrà ottenere grande visibilità ( magari su tante keywords), bisognerà  prevedere un grosso investimento con Google Adwords ( il principale canale per la pubblicità  pay per click). Teniamo a precisare che questa tecnica verrebbe comunque vanificata nel momento in cui la landing page dovesse "deludere" l'utente. A professionisti, artigiani e piccole aziende consigliamo vivamente la progettazione di un sito orientato al SEO, poichè garantirà  un ritorno riducendo sensibilmente la portata dell'investimento e i relativi rischi. Viceversa alle grandi aziende, soprattutto quelle con spiccate professionalità  nel commerciale, consigliamo di abbinare al SEO sempre una buona dose di SEM: otterremo più click e miglioreremo l'immagine istituzionale dell'azienda agli occhi degli utenti. Sconsigliamo fortemente i progetti di visibilità  fondata esclusivamente sul SEM, poichè qualsiasi progetto web non brillerebbe mai di luce propria viceversa rimarrebbe per sempre legato a Google con un cordone ombelicale e ovviamente con un'emorragia costante dalle casse aziendali.

Nicola Claudio Cellamare, CEO di I-Factory, mentore di VineAway per ARTI Puglia

I- Factory è una web agency che si propone di aiutare le aziende a sfruttare al meglio la rete per migliorare il proprio business. Nata nel 2004 dall’idea imprenditoriale di un giovane barese laureato in informatica, si occupa anche di formazione per il conseguimento dell’ECDL, per l’apprendimento e la scrittura del linguaggio HTML e per la comprensione dei principi di Search Engine Optimization, oggi fondamentali per chi vuole contrastare i grandi colossi aziendali in rete con moderate risorse finanziarie. Dott. Cellamare, sempre più aziende decidono di puntare sull’e-commerce: il sito web diventa un negozio vero e proprio, abbattendo così notevolmente costi e spese. Come si fa però ad emergere nella giungla del web? Quali sono i principali errori da non commettere? Dalla pianificazione all’operatività, è fondamentale non trascurare nessuna fase del progetto di crescita di un sito, in particolare di un sito di e-commerce. Il principale errore da non commettere è quello di sottovalutare la fase di pianificazione strategica, ovvero quel processo con il quale si individua il target, si fissano gli obiettivi e si indicano mezzi, strumenti e azioni per raggiungerli. Un’altra fase fondamentale è quella della costruzione del sito: la piattaforma deve essere fortemente personalizzata, di facile utilizzo per tutti gli utenti e realizzata favorendo la Search Engine Optimization (ottimizzazione del motore di ricerca). Per quanto riguarda la fase operativa suggerisco di curare il servizio customer care: essere in grado di fornire una risposta immediata alla clientela è uno dei segreti del successo di un e-commerce. Le statistiche dimostrano che il trend degli acquisti on line registra una crescita costante. È ormai indispensabile per le aziende puntare su una strategia di vendita online per sopravvivere in un mercato sempre più globale e sempre più competitivo. Quali sono i Paesi leader in questo settore? E L’Italia come si classifica? I dati parlano chiaro: il mercato e-commerce in Italia, nel 2014, è cresciuto del 16% ed entro la fine del 2015 si prevede una crescita ulteriore del 15% con un fatturato che raggiungerà i 15 miliardi di euro. Anche se siamo lontani dai numeri di Paesi come Inghilterra, Germania e Francia, per restare in Europa, i risultati raggiunti dal mercato e-commerce italiano sono notevoli. I marketplace internazionali, come i più famosi amazon e e-bay, sono oggi considerati gli attori dominanti nel commercio elettronico: dalla loro parte hanno il vantaggio di godere della fiducia degli utenti e di offrire visibilità immediata. Tuttavia non consentono al rivenditore B2B di ottenere buona marginalità: con i nostri clienti elaboriamo soluzioni alternative, costruendo piattaforme di vendita personalizzate che andiamo a promuovere tramite strategie di digital marketing definite in base al settore merceologico e al target definito. I risultati sono incoraggianti e sempre più imprenditori sono pronti a mettersi in gioco, affrontando questa nuova sfida, in un mondo dalle potenzialità praticamente illimitate. Sempre più spesso si parla di una strategia di digital marketing chiamata remarketing. Di cosa si tratta? Come si articola? Il remarketing è una strategia di digital marketing che consente di raggiungere gli utenti che hanno già visitato un sito web o una piattaforma e-commerce, mostrando loro annunci personalizzati in base all’interazione col sito e agli interessi dimostrati. Oggi seguire questo tipo di strategia è fondamentale per migliorare l’investimento pubblicitario: il vantaggio assoluto è quello di poter portare il messaggio pubblicitario a un pubblico estremamente profilato e già fortemente interessato al prodotto. Per utilizzare il remarketing nelle campagne digital è necessario aggiungere alle pagine del sito il tag di remarketing, ovvero un breve codice di monitoraggio. Contemporaneamente si creano elenchi di remarketing, ovvero elenchi di visitatori, a seconda di ogni specifica esigenza di targetizzazione. Una volta creati sia i tag che gli elenchi di remarketing, è possibile creare una campagna digital costruita su misura dell’utente e sicuramente efficace dal punto di vista delle conversioni. In qualità di Mentore affiancherà la start up Wine Away che sta lavorando su una piattaforma web per il monitoraggio di colture vitivinicole. Voi come avete gestito la vostra fase di start up? Quali sono le difficoltà maggiori che avete incontrato? I-factory è un’azienda sempre in fase di evoluzione in un mondo, quello del web, soggetto alle più rapide trasformazioni: adeguarsi a questi cambiamenti è stata la sfida più grande. L’abbiamo affrontata e questo ci ha portato a crescere e potenziare il know-how aziendale. Oggi continuiamo a lavorare con la stessa passione del primo giorno e le case-history di successo non possono che spronarci a puntare sempre più in alto. Con Wine Away, la start up che andremo ad affiancare, valuteremo punti di forza e aree di miglioramento del progetto, lavoreremo sull’interattività e sulla SEO. In un secondo step studieremo con loro la strategia di web marketing adeguata al settore del vino, mettendo in evidenza le peculiarità della loro business idea.  

Remarketing: mai più senza!

  Il remarketing è una delle principali strategie di digital marketing degli ultimi tempi. Il remarketing consente di raggiungere gli utenti che hanno già  visitato il proprio sito web o mostrare loro annunci che hanno già visitato in precedenza ma personalizzandoli in base all'interazione col sito ed alle sezioni del sito a cui si sono dimostrati interessati. È anche possibile mostrare i propri annunci ad audience mirate, alla ricerca di termini correlati al proprio oggetto di promozione. COME CREARE IL REMARKETING Decidere di affidarsi a questa strategia di online marketing è solo il primo passo. Per utilizzare concretamente il remarketing è necessario aggiungere un breve codice che si ottiene da Adwords a tutte le pagine del proprio sito.  Tale codice prende il nome di tag di remarketing. Il secondo step prevede la creazione di elenchi per il remarketing per ogni pagina del sito web. Si può decidere per esempio di creare un elenco per i visitatori delle categorie di prodotti più popolari del proprio business online.  In tal modo, il tag di remarketing chiederà ad Adwords di salvare i visitatori nell'elenco delle categorie più popolari. Tuttavia, si tratta solo di un esempio, in quanto è possibile creare altre tipologie di Elenchi a seconda delle proprie esigenze di targetizzazione della  Quindi, non solo elenchi per le categorie di prodotti più popolari ma anche elenchi per il carrello degli acquisti: quel che conta è creare elenchi che consentano di colpire target mirati e redditizi per il proprio business. CAMPAGNE ADWORDS Una volta creati tag ed elenchi si può procedere con la creazione di campagne pubblicitarie di remarketing su Adwords.  Tali campagne presentaranno un messaggio creato appositamente per gli utenti dell'Elenco a disposizione e verranno mostrate ogni volta che tali utenti effettueranno ricerche su Google o sulla rete Google Display Network Essere presenti su Internet è importante, ma farlo con intelligenza e cognizione di causa è  fondamentale!

Strategie di Remarketing su Facebook: arrivano i Pixel

L'online marketing si arricchisce di nuove idee e strategie, tra cui non possiamo non citare il retargeting (o remarketing).  Dopo Google, anche Facebook ha finalmente introdotto questo rivoluzionario modo di fare advertising sul Web attraverso la creazione del cosidetto Pixel. Si tratta di un frammento di codice JavaScript che un inserzionista può inserire nel suo sito Web per creare una  customized audiencea cui successivamente indirizzare la propria pubblicità online a pagamento.  Il pixel viene attivato nel momento in cui un utente apre una pagina Web in cui è installato ed invia a Facebook informazioni in formato hash sulle modalità  d’interazione del visitatore con il sito web in questione.   Attraverso queste indicazioni generali sui comportamenti virtuali dei visitatori, l'inserzionista potrà  creare pubblicità a pagamento mirata e profittevole. Pixelè un termine inglese che deriva dal'unione di pict+el ed indica ogni puntino che compone un'immagine nella memoria di un PC.  Il valore di ogni pixel è dato proprio dalla sua posizione, dal suo colore e dalla sua intensità. Attualmente questa parola viene comunemente utilizzata per indicare la parte di codice che viene inserita in un sito web e che rimanda informazioni preziose a Facebook sulle azioni dei visitatori. Si creano così delle audience personalizzate a cui inviare campagne pubblicitarie mirate, accedendo direttamente dal pannello di inserzioni di Facebook  o attraverso il Power Editor. Se si sceglie la prima modalità , basta cliccare sul link diretto personalizzato del tuo sito web. In seguito, occorre creare il Pixel di ricommercializzazione Webed incollarlo sulle pagine del sito web oggetto di interesse e business.  Tale Pixel va copiato e incollato all'interno del tag . Terminata questa fase tecnica, èconsigliabile affidare ad ogni targeting un nome o descrizione e filtrare la ricerca di informazioni in base a specifiche esigenze pubblicitarie. Sono tante le possibilità di filtraggio, come di seguito illustrato: -Campagna con target costituito da coloro che hanno visitato il sito, ma non sono ancora diventati fan della Fanpage su Facebook; -Campagna di promozione di un articolo di Blog verso coloro che non l'hanno ancora visitato ed applicando contemporaneamente l'esclusione degli altri; -Campagna di conversioni per acquisti con target verso gli utenti che sono già  stati sul sito e-commerce ma non hanno ultimato la procedura d'acquisto. Il pubblico che si forma automaticamente in base a questo pixel inserito all'interno delle pagine del sito web si trova nella sezione pubblico personalizzato e può essere utilizzato ogni volta che creiamo campagne Facebook, qualunque sia lo scopo finale ed annesso filtro di targetizzazione. Facebook migliora ogni giorno di più come strumento di paid advertising sul web e si pone come uno dei principali competitors di Google Adwords, attualmente leader del settore e precursore nell'utilizzo delle tecniche di retargeting/remarketing. Comincia l'anno sfruttando al massimo le potenzialità  di Facebook non solo come Social Network e strumento di Brand Marketing ma soprattutto come strumento di Performance Marketing.

Baby Sitter Site. Affidaci il tuo negozio online!

Hai un negozio, un'attività  commerciale e vorresti vendere online? Ti manca il personale adatto o il tempo per seguire un negozio nel web. I-Factory offre l'innovativo servizio "Baby Sitter Site".  Possiamo realizzare il tuo sito di e-commerce e gestirlo al posto tuo. Non dovrai più preoccuparti di aggiornare il sito web, di rispondere alle mail degli utenti, gestire la pagina Facebook, aggiornare le news... di questo ci occuperemo noi.  A te lasceremo solo il compito di spedire la merce quando gli utenti avranno completato la transazione attraverso i rinomati circuiti online ( Visa, MasterCard, BNL...). Avere un negozio o della merce da vendere, non è sufficiente per creare un e-commerce. Oltre alla realizzazione di un sito professionale e ad alta usabilità , è indispensabile che l'azienda stessa sia pronta a gestire dinamiche e problematiche differenti dalle canoniche attività commerciali: reputazione online, social media marketing, posizionamento su google, web marketing, customer care attraverso mail e social network...; La maggior parte degli e-commerce crolla nel primo anno di attività  proprio per aver ignorato questi aspetti. Viceversa le aziende che si affidano a professionisti del settore creano volumi d'affari strepitosi. Contattaci se vuoi vendere in rete ed iniziare con il piede giusto. Saremo lieti di studiare un'offerta su misura per te.

Partner

I-factory s.r.l.s. © 2014 - 2022 tutti i diritti riservati